Dopo il successo a Ibla, La Lupa ritorna il 17 agosto al Castello di Donnafugata alle ore 21.30 in uno scenario elegante quanto misterioso attorniato da luci soffuse che illumineranno il posto e la vegetazione sottostante, e che immergeranno lo spettatore in una ricca esperienza sensoriale.

Il nuovo riadattamento promosso in collaborazione con il Comune di Ragusa per volontà del sindaco Peppe Cassì e l’assessore Ciccio Barone, è stato elaborato dal regista Lorenzo Muscoso per il contesto, utilizzando al meglio tutti i vari spazi, definendone azioni e movimenti al fine di creare vivacità e colori di una Sicilia ottocentesca con l’intento di restituire una sensazione catartica e intimista dall’arrivo del Cantastorie, in occasione della Processione di Pasqua e nell’ambientazione del mercato ortofrutticolo.

Uno svelamento dell’accadimento che colpisce una famiglia che travolgerà tutti quelli che gli saranno vicini rendendoli complici o vittime del fato e tutto questo è unito alla leggenda del Castello che narra la fuga della Regina Bianca di Navarra, vedova del Re Martino I D’Aragona e reggente del regno di Sicilia, imprigionata dal Conte Bernardo Cabrera, che aspirava alla sua mano e al titolo di Re.

La struttura è divisa in tre piani, conta oltre 120 stanze di cui una ventina sono oggi fruibili ai visitatori. Uno scenario romantico e suggestivo che richiama “Il Gattopardo” sia nella forma letteraria che la trasposizione filmica.

Torna quindi il cast completo con Giuseppina Vivera (Gna Pina), Adriano Gurrieri (Nanni Lasca), Greta D’Antonio (Maricchia), Alessandro Campo (Bruno), Marzio Penna (Narratore), Luciano Busacca (Cantastorie), Giada Carnemolla (Ballerina) Bellamorea (musicisti), Le 9 province di Cettina Belfiore (Figuranti).

Ingresso solo su prenotazione su www.festivalverghiano.it