Un’indagine è stata avviata dai  carabinieri del Nas di Ragusa sulle dosi di vaccino, circa una trentina, che a Scicli sarebbero state somministrate con il “passaparola” nel giorno dell’Epifania a soggetti non appartenenti al personale sanitario per la mancata presentazione degli aventi diritto. Si tratta di accertamenti preliminari, finalizzati a ricostruire come siano andate esattamente le cose.

 

Rimosso il responsabile

Solo in seguito si valuterà un eventuale rilievo penale. L’Asp di Ragusa, intanto ha rimosso dall’incarico il responsabile delle vaccinazioni,  Caudio Caruso, che rimane comunque sempre operativo all’interno dell’azienda sanitaria con la mansione di Capo distretto. Le dosi del vaccino Pfizer Biontech, una volta scongelate e in mancanza del loro immediato utilizzo, rischiavano di essere gettate nella spazzatura.

Il fatto

Secondo alcune testimonianze, nella giornata del 6 gennaio sarebbero avanzate delle dosi ed a quel punto sarebbero stati inviati messaggi e fatte telefonate a parenti, amici e conoscenti che si sono riversati nell’ambulatorio. Erano talmente tanti che si è formata una lunga coda, con tanto di assembramento, alla faccia delle disposizioni per il contenimento del Covid19.

Sulla vicenda i parlamentari regionali del Pd, Nello Dipasquale e Stefania Campo del M5S, hanno presentato una interrogazione all’assessore alla Salute, Ruggero Razza. “E’ una vicenda grave che va chiarita subito – commentano i parlamentari iblei – perché è ovvio che in una faccenda così delicata i destinatari del vaccino non possono essere selezionati perché fortunati nel conoscere qualcuno, soprattutto –  se non ne hanno diritto. Abbiamo appreso della vicenda avvenuta a Scicli e temiamo che possano accadere fatti simili anche altrove”.

I dati in Sicilia

Sono 1.842 i nuovi positivi al Coronavirus in Sicilia su 10.587 tamponi processati. Le vittime sono state 36 nelle ultime 35 ore che portano a 2664 deceduti dall’inizio della pandemia.

I positivi sono 39.672 con un aumento di 967 casi. Negli ospedali i ricoveri sono 1446, 22 in più rispetto a ieri, mentre i ricoveri in regime ordinario sono 1246, 18 in più rispetto a ieri. In terapia intensiva i ricoveri sono 200, 4 in più rispetto a ieri. I guariti sono 840.

La distribuzione nelle province vede a Palermo 472 casi, Catania 401, Messina 361, Trapani 226. Siracusa 184,Caltanissetta 81, Ragusa 51, Agrigento 63, Enna 3.