Diversamente da quanto successo in quasi tutta l’Europa, la Svezia di fronte all’epidemia non ha introdotto blocchi di nessun tipo, optando semplicemente per un approccio basato sull’assunzione di responsabilità dei cittadini svedesi. Il Paese scandinavo ha tenuto aperte le scuole per i bambini di età inferiore ai 16 anni, insieme a caffè, bar, ristoranti e aziende ed ha esortato le persone a rispettare le linee guida sul distanziamento sociale.

 

Se si considerano soltanto i dati dell’ultima settimana, la Svezia ha superato il più alto tasso di mortalità pro capite per coronavirus Covid-19 nel mondo. Lo riporta il Daily Telegraph online citando i dati raccolti dal sito web Our World in Data, secondo cui la Svezia, tra il 13 maggio e il 20 maggio, ha avuto 6,08 decessi per milione di abitanti al giorno. Questo, secondo la stessa fonte, è il valore più alto del mondo, al di sopra del Regno Unito, del Belgio e degli Stati Uniti. Il quotidiano britannico precisa che il tasso è stato il più alto soltanto per quanto riguarda l’ultima settimana, mentre in generale Belgio, Spagna, Italia, Gran Bretagna e Francia hanno registrato numeri più elevati.