In quell’agenzia di scommesse, alla periferia di Noto, i clienti potevano giocare di tutto. Partite di calcio, campionati di basket e le gare di Formula 1, prima che il mondiale si chiudesse.  Il gestore si sarebbe creato un bel giro di clienti e la sua fama avrebbe attirato le attenzioni anche dei suoi concorrenti, quelli con tanto di autorizzazioni, che avrebbero nutrito dei sospetti.

Che, inevitabilmente, sono arrivati al commissariato di polizia di Noto: gli agenti si sono messi subito al lavoro e così, nei giorni scorsi, hanno iniziato ad indagare sull’agenzia di scommesse chiacchierata. Hanno visto che aveva un buon numero di persone, che si recava lì per puntare i propri soldi e tentare la sorte.  Prima di compiere il blitz, gli inquirenti hanno preso alcune informazioni sul conto del titolare ma nelle scorse ore si sono presentati nel locale e non ci è voluto molto per scoprire che il centro era abusivo.

Il gestore, 39 anni, è stato denunciato per esercizio abusivo della professione. “Nel corso di controlli amministrativi , la amministrativa del commissariato – fanno sapere dalla Questura di Siracusa –  ha avuto modo di accertare l’esercizio abusivo. Non c’erano autorizzazioni dell’attività di gioco e scommesse in questo un centro raccolta di una società , che opera per conto di agenzia maletese. Si è proceduto al sequestro penale delle ricevute di gioco , l’una virtuale l’altra di raccolta scommesse nonché del palinsesto incontri calcio”.