I militari della Capitaneria di Porto di Siracusa hanno avviato le indagini dopo un caso di un inquinamento, a causa di un presunto scarico di  idrocarburi in mare, in particolare nel canale Alpina, in prossimità del pontile Asi, all’interno della Baia di Santa Panagia.

“Sono state avviate le procedure antinquinamento – fanno sapere dal comando della Capitaneria di Porto di Siracusa – per evitare danni al mare ed alla costa. “E’ stato disposto l’immediato intervento del personale della Capitaneria di Porto che, insieme al personale del Gruppo barcaioli e della  società concessionaria del servizio antinquinamento, ha verificato la mancanza di tracce visibili di idrocarburi nel tratto di mare aperto antistante il  pontile Asi ed il posizionamento delle previste panne antinquinamento alla foce/tratto finale del canale Alpina”

In modo precauzionale, è stata rafforzata la barriera antinquinamento con l’installazione di altre file di panne meccaniche di contenimento. “A seguito della successiva rilevata lieve iridescenza del tratto finale del canale Alpina immediatamente prossimo alla confluenza in mare degli scarichi, veniva richiesto l’intervento in zona del personale tecnico qualificato dell’Arpa che nel corso del pomeriggio provvedeva ad effettuare gli opportuni campionamenti. In merito all’accaduto sono in corso le previste attività di prevenzione e di ripristino dello stato dei luoghi e l’effettuazione di ulteriori accertamenti e verifiche” spiegano dal comando della Capitaneria di Porto.