• Chiesto il rinvio a giudizio per omicidio nei confronti di un esponente del clan Bronx
  • E’ accusato di aver ammazzato Angelo De Simone nel settembre del 2016
  • In un primo momento si era ipotizzato un suicidio
  • Il movente legato ad una relazione sentimentale
  • Al delitto avrebbe preso parte Luigi Cavarra, deceduto negli anni scorsi

E’ stato chiesto il rinvio a giudizio  nei confronti di  Giancarlo De Benedictis, siracusano, ritenuto esponente del clan Bronx, accusato dell’omicidio di Angelo De De Simone, un giovane siracusano di 27 anni trovato impiccato nella sua abitazione il 16 novembre del 2016.

Due richieste di archiviazione

Per ben due volte, la Procura di Siracusa, aveva richiesto l’archiviazione del caso, ritenendolo un suicidio, ma le memorie difensive della famiglia, assistita dall’avvocato David Buscemi, e la tenacia della madre della vittima, Patrizia Ninelli, hanno cambiato il corso delle indagini, fino a quando sono emersi elementi tali da convincere il pm Gaetano Bono a disporre la riesumazione del cadavere, per compiere degli accertamenti scientifici affidati ad un consulente, Giuseppe Ragazzi.

Il coinvolgimento di un’altra persona

Al delitto, secondo il pm di Siracusa, avrebbe preso parte un’altra persona, Luigi Cavarra, indicato dalla Dda di Catania come esponente del clan Bottaro-Attanasio, morto negli anni scorsi, poco dopo essere diventato un collaboratore di giustizia

L’aggressione e la simulazione del suicidio

Grazie alla relazione del consulente dei magistrati, si è scoperto che De Simone avrebbe subito un’aggressione fisica avvenuta nella sua abitazione. Avrebbe aperto ai due presunti assassini, del resto li conosceva abbastanza bene, poi si è consumata la tragedia.

Il 27enne sarebbe stato colpito alla testa ed ai genitali, subendo anche una lacerazione del palato molle. A quel punto, sarebbe stato appeso ad un gancio allo scopo di simulare un suicidio e la corda al collo, secondo quanto emerge nella perizia, lo avrebbe condotto alla morte per “asfissia meccanica primitiva”.

Il movente

Dagli elementi raccolti dal pm, i due presunti assassini avrebbero avuto dei conti in sospeso con la vittima. De Benedictis, condannato in Appello a 19 anni e 4 mesi di reclusione per commercio di droga, lo avrebbe punito per una relazione con una donna con cui era legato sentimentalmente mentre Cavarra sarebbe stato mosso da un contrasto per un debito di droga.

Le intercettazioni

Ad offrire agli inquirenti il quadro della situazione sarebbero state delle intercettazioni in carcere tra persone vicine ai presunti assassini ma ci sono anche le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia