E’ stato condannato a 4 anni di reclusione un osteopata di 42 anni, siracusano, accusato di violenza sessuale ai danni di una sua paziente, una donna di 21 anni.

La sentenza è stata emessa nella tarda mattinata al palazzo di giustizia di Siracusa dal gup del tribunale  Salvatore Palmeri, al termine del processo che si è celebrato con il rito abbreviato.

L’uomo, secondo la ricostruzione della Procura, avrebbe avuto in cura nel settembre dello scorso anno una giovane di 22 anni. Nel corso di una seduta, l’osteopata avrebbe approfittato della ragazza, palpeggiandola nelle parti intime. La vittima, difesa dall’avvocato Daniela La Runa, ne avrebbe parlato con i familiari che l’hanno convinta a sporgere denuncia.

Ne è nato un procedimento giudiziario a carico dell’osteopata, che ha scelto di farsi giudicare con il rito abbreviato. Il pubblico ministero, Andrea Palmieri, al termine della requisitoria, aveva chiesto una condanna a 3 anni e 4 mesi di reclusione. Il centro antiviolenza Ipazia, rappresentato dall’avvocato Elena Salemi, si è costituito parte civile nel processo.