Tra i cittadini che si stanno mobilitando per chiedere lo sbarco dei 47 migranti a bordo della Sea Watch, anche un gruppo di allievi attori, provenienti da tutta Italia, dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa.

“Al di là di ogni questione giuridica – scrivono in una nota – legale e politica, crediamo che questo sbarco sia una priorità che la nostra coscienza di essere umani ci impone. Dopo la manifestazione di giorno 26 gennaio, alla quale abbiamo cercato di fornire supporto con il nostro canto, siamo tornati ieri sera in riva al mare, di fronte all’imbarcazione, per mandare un segnale di vicinanza alle persone a bordo”.

“Tuttavia – prosegue la nota – l’attenzione mediatica suscitata dalla vicenda non è ancora sufficiente: vogliamo lanciare un appello ai siracusani per coinvolgere il maggior numero possibile di cittadini in un presidio che si terrà oggi alle 18 davanti a Largo XXV Luglio con la finalità di sollecitare la Capitaneria a disobbedire alle direttive del governo. Ci rivolgiamo a tutti coloro che sentono l’esigenza di intervenire concretamente in nome dei valori umani, al di là di qualsiasi ideale o schieramento politico”.