È stato arrestato dai carabinieri un uomo di 43 anni, residente a Solarino, nel Siracusano, accusato di violenza privata, violazione di domicilio e minaccia aggravata.

Secondo la ricostruzione dei militari, l’indagato si sarebbe presentato nella casa della sua ex consorte non bussando alla porta con intenzioni pacifiche ma con la forza. L’uomo aveva con se un coltello, sfoderato ed agitato sotto gli occhi della vittima. Avrebbe preteso la restituzione di alcuni oggetti che riteneva fossero suoi e la ex moglie avrebbe vissuto momenti di grande paura così come una donna insieme a lei in casa.

Una chiamata alla sala operatoria dei carabinieri di Siracusa ha fatto scattare l’allarme e poco dopo i militari di Solarino si sono presentati nell’appartamento dove era stata segnalata la presenza di quell’uomo.

Gli inquirenti hanno avviato un dialogo con l’indagato per farlo desistere dal suo tentativo di fare male alla ex consorte. Sarebbero stati convincenti, per cui l’uomo ha lasciato il coltello ed è stato condotto in caserma per essere sentito. Al termine degli accertamenti, il quarantatreenne è stato arrestato e posto ai domiciliari come indicato dalla Procura di Siracusa.