A conclusione di una articolata attività investigativa dei Carabinieri della Stazione di Melilli (SR), diretta dal sostituto procuratore Marco Dragonetti e coordinata dal Procuratore della Repubblica di Siracusa, Dott.ssa Sabrina Gambino, è stato eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di un 37enne del posto, disoccupato, poiché ritenuto responsabile di violenza sessuale su minore.

L’attività investigativa trae origine da quando i Carabinieri della Stazione ricevevano le denunce della madre di una ragazza 16enne, che tra il mese di agosto e ottobre 2018, avrebbe più volte ricevuto “strane attenzioni” da parte dell’uomo.

Il fermato, infatti, come accertato dai militari dell’Arma, si è reso responsabile di molteplici atti sessuali nei confronti della giovane, nonostante la sua contrarietà.

Il provvedimento cautelare odierno scaturisce dalle incisive ma delicate indagini dei Carabinieri di Melilli che hanno fornito all’Autorità giudiziaria aretusea la descrizione di vari episodi che la giovane aveva subito, nonché il fondato motivo di ritenere che l’indagato si stesse organizzando per una imminente fuga.

Il fermato dopo le formalità di rito veniva accompagnato presso la propria abitazione in attesa della convalida del provvedimento avvenuta il giorno successivo innanzi al G.I.P.