“Invece di ricordarsi di noi solo quando ci sono “porti da chiudere”, il Governo intervenga sul ricatto subito dai cittadini di Linosa dove il prezzo della benzina è arrivato a 2,50 euro al litro!”.

E’ la denuncia sui social di Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa che pubblica la foto del distributore di benzina di Linosa che segna il prezzo esorbitante del carburante.

“Capisco che si tratta di un’attività privata, – tuona ancora Martello – ma è inaccettabile permettere di arrivare a questo prezzo, considerando oltretutto che si tratta dell’unico impianto di distribuzione carburante dell’isola”.

“Mi aspetto – conclude il sindaco – che chi ha competenza in materia intervenga al più presto, o che i titolari dell’impresa si ‘ravvedano’ e si ricordino dell’impegno messo in campo dall’amministrazione comunale nelle scorse settimane per superare i problemi che impedivano la riapertura dell’impianto dopo i recenti lavori di ammodernamento.
#Linosa #benzina”.

LEGGI ANCHE

Linosa senza benzina da due mesi, cittadini riconsegnano tessere elettorali