I Carabinieri della Stazione di Aci Castello (CT)  hanno arrestato un 26 enne del posto, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia dopo che la madre 49enne, in preda alla disperazione, aveva chiesto aiuto ai carabinieri affinché potessero aiutarla nell’ennesima e dolorosa sfuriata della quale il figlio 26enne si era reso protagonista all’interno delle mura domestiche.

Il ragazzo ubriaco distrugge la casa

All’arrivo dei carabinieri, il 26enne era ubriaco, era seduto lasciandosi andare a frasi sconnesse tutte improntate a evidenziare il forte astio nutrito nei confronti della madre, mentre suppellettili a terra e sedie capovolte erano la testimonianza di una tempesta appena terminata. La donna ha riferito ai militari che il figlio nei giorni precedenti aveva sfondato il cancello d’ingresso distruggendo poi la cucina, aggiungendo che, se loro non fossero accorsi a tutela sua e del compagno, la situazione sarebbe pericolosamente degenerata.

La denuncia della madre

La madre ha espresso ai militari il desiderio che il giovane abbandonasse subito l’abitazione, anche in virtù di uno specifico provvedimento di allontanamento e del divieto di avvicinamento già emesso sulla scorta di due precedenti arresti per le medesime motivazioni. A questo punto il giovane, andato in escandescenze, è stato bloccato dai militari che, poi, stante la volontà della madre e del compagno di sporgere denuncia per le quotidiane minacce ed intemperanze, è stato associato al carcere catanese di Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.