«Bene l’avvio della commercializzazione delle arance rosse dalla Sicilia in Cina sulle piattaforme on line e off line di Alibaba Group. È la dimostrazione che il lavoro portato avanti dal Distretto Agrumi di Sicilia per promuovere questa opportunità verso i produttori siciliani è stato premiato e comincia a dare i suoi frutti». E’ quanto afferma Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi di Sicilia.

“Il Distretto – aggiunge Argentati – ha accolto con piacere l’interesse di Alibaba, due anni fa, mettendo l’azienda cinese in contatto con le organizzazioni produttori della rete d’impresa People of Sicily associate al Distretto. In tale prospettiva ha anche promosso in diverse occasioni momenti di incontro, di approfondimento e di conoscenza del mercato cinese anche con il coinvolgimento del management di Alibaba Group. Adesso che la “macchina” dell’export tramite i canali del gigante del commercio cinese è avviata, ci auguriamo che presto altre aziende in grado di fare sistema possano seguire l’esempio di chi ha già scommesso su questo grande e nuovo mercato per l’agrumicoltura italiana. Ci teniamo a ricordare – continua Argentati – che la vera novità della commercializzazione con la Cina delle arance rosse consiste nel trasporto via aereo, e non soltanto via nave, opzione già possibile dal 2017. L’aereo consente al prodotto di arrivare in condizioni tali da garantirne meglio la qualità e il posizionamento su una fascia alta di mercato. Una possibilità sbloccata, dopo tante sollecitazioni, grazie al lavoro svolto lo scorso autunno dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal vicepremier Luigi Di Maio, in sinergia con il Mipaaft e la Regione Sicilia. Un traguardo – conclude il presidente del Distretto – che è stato raggiunto con un lavoro sinergico e di sistema che ci auguriamo possa sempre più diventare il modus operandi di tutto il comparto”.

“Mentre gli altri chiacchierano e sono impegnati nel solito inutile gossip politico che serve solo alla casta, il Movimento 5 Stelle mette a segno un altro fondamentale risultato per il bene del Paese”. Così in una nota l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao.

“La possibilità del trasporto aereo delle arance siciliane verso la Cina è un segno concreto di vicinanza ai produttori e agli agricoltori siciliani che con i governi del Pd erano invece costretti a lasciare sugli alberi le arance perché non c’era un adeguato ritorno economico. Ecco a cosa serve il memorandum con la Cina: a rafforzare il Made in Italy. Alle critiche del Pd e dei professoroni da salotto tv noi rispondiamo con i fatti concreti: dialogare con la Cina serve a farci recuperare il tempo perduto e gli errori di una classe dirigente che ha mortificato il nostro Paese”.

LEGGI ANCHE

Palermo blindata per l’arrivo di Xi Jinping e intanto Alibaba vende in Cina le arance rosse di Sicilia