Un bambino di 4 anni lasciato chiuso in auto sotto il sole fuori dall’aeroporto di Catania con una temperatura che sfiorava i 40 gradi all’ombra è stato salvato da un sovrintendente della Polizia di Stato.

L’agente con il calcio della pistola di ordinanza ha mandato in frantumi un finestrino e soccorso il piccolo.

E’ accaduto nel pomeriggio di sabato scorso ma è stato reso noto solamente stamane. I genitori, due svizzeri, 28 anni lei e 32 lui, sono stati denunciati per abbandono di minore in concorso. L’intervento è stato compiuto davanti a numerose persone, che hanno applaudito gli agenti della Polizia di Frontiera.

Il sovrintendente è intervenuto, ferendosi inoltre le mani, dopo essersi accorto che il bimbo, sudato e in ipertermia per l’elevata temperatura, si dimenava cercando di aprire le portiere e chiedendo disperatamente aiuto. Gli agenti sono accorsi dopo la segnalazione di una guardia giurata.

L’auto, una Audi A6 con targa svizzera, era parcheggiata negli stalli riservati allo scarico bagagli nella zona partenze ed aveva anche attirato l’attenzione di alcuni viaggiatori. Subito dopo si sono presentati i genitori. Tutti e tre sono stati accompagnati nel presidio sanitario dell’aerostazione, dove sono state prestate le prime cure al bambino, che si è immediatamente ripreso.

Date le alte temperature di questi giorni, stare sotto il sole in un’auto ferma può comportare gravi danni alla salute e talvolta il decesso.