• Controlli a Catania della Polizia durante la Pasqua
  • Sanzionati e chiusi diversi negozi e attività
  • Chiuso circolo ricreativo situato nel quartiere di Picanello

Nei giorni scorsi, i poliziotti del Commissariato Librino hanno effettuato controlli mirati a contrastare l’illegalità diffusa nel territorio di competenza e far rispettare la normativa volta a prevenire il rischio da contagio.  È stato controllato un maneggio al cui interno è stata accertata, la presenza di alcune persone senza giustificato motivo e senza dispositivi di protezione individuale. Tutti sono stati sanzionati. Disposta la chiusura temporanea per 5 giorni del maneggio.

Chiuso negozio di autoricambi

Lo scorso 2 aprile i poliziotti hanno sanzionato il titolare di un negozio di autoricambi sito in San Giovanni Galermo perché privo di mascherina, applicando la sanzione accessoria della chiusura per 5 giorni. Nello stesso quartiere e per lo stesso motivo, gli agenti hanno sanzionato la proprietaria di un salone di parrucchiere per donna, applicando anche in questo caso la sanzione accessoria della chiusura per 5 giorni.

Bevande oltre l’orario

Nel centro storico presso un esercizio commerciale di somministrazione di alimenti e bevande  i poliziotti hanno riscontrato la presenza di persone che, all’interno del negozio, consumavamo cibi e bevande in violazione della normativa. Per tale motivo il titolare è stato sanzionato con l’applicazione della chiusura per giorni 5 ed è stato sanzionato un cliente che sostava all’interno del locale, sprovvisto di mascherina. Il totale delle sanzioni ammonta a 1.600 euro.

Chiuso circolo

Nella serata d’ieri, agenti delle Volanti  hanno effettuato il controllo amministrativo di un circolo ricreativo situato nel quartiere di Picanello. All’interno dello stesso erano stati allestiti diversi tavoli da giochi e vi erano presenti 13
avventori che, pertanto, venivano tutti sanzionati.  Medesima contravvenzione è stata irrogata anche nei confronti del titolare del locale, al quale è stata altresì notificata la sanzione accessoria della chiusura dell’attività per il
termine di 5 giorni con contestuale apposizione dei sigilli.