Un esposto alla Procura è stato presentato dal Codacons dopo il sequestro ieri da parte dei carabinieri del Nas nel laboratorio di Patologia clinica dell’ospedale di Giarre, in provincia di Catania, di 52 confezioni di dispositivi medici scaduti. “Si tratta – spiega il legale incaricato dall’associazione, Chiara Patanè dell’ennesimo caso di malasanità in Sicilia che potrebbe coinvolgere un numero elevato di cittadini.

Gli esami clinici eseguiti con dispositivi scaduti potrebbero fornire risultati alterati, costringendo i pazienti alla ripetizione delle analisi”. “Per tale motivo – conclude il legale – abbiamo deciso di rivolgerci alla Procura,affinché indaghi sulla violazione delle norme di sicurezza in ambito sanitario e per le possibili ripercussioni sul fronte della salute pubblica”.