In Sicilia il centrodestra mostra segnali di riorganizzazione dopo anni di sconfitte. Il ballottaggio consegna allo schieramento conservatore l’affermazione nei due centri più popolosi chiamati al voto, Vittoria e Caltagione, in cui sono stati eletti rispettivamente Giovanni Moscato e Gino Iopppolo.

“Il fallimento del Pd, che non riesce più ad avere l’alibi in Crocetta, essendo esso stesso responsabile a pieno titolo da sette anni del governo regionale, ha determinato o la vittoria del Movimento 5 Stelle o eclatanti vittorie del centrodestra“, commentano oggi il commissario di Forza Italia in Sicilia, Gianfranco Micciche’, e il capogruppo all’Ars, Marco Falcone.

“Abbiamo dimostrato – prosegue la nota – che quando la coalizione è unita, e presentiamo candidati credibili, con una concreta progettualità, non soltanto vinciamo ma veniamo anche apprezzati dall’elettorato. L’importante risultato ottenuto sia da stimolo a tutti i dirigenti azzurri e per il centrodestra, che  in vista delle regionali devono impegnarsi per allargare e rendere coesa e vincente la coalizione”.

Anche l’eurodeputato di Fi, Salvo Pogliese esprime soddisfazione per “le straordinarie affermazioni di Gino Ioppolo a Caltagirone, Giovanni Moscato a Vittoria e, seppur pura espressione della società civile, di Angelo D’Anna a Giarre”.

Secondo il politico catanese “i cittadini lo preferiscono ad un centrosinistra che ha fallito ovunque dove governa, da Roma alla Regione siciliana, e se la gioca alla pari con un M5S che si caratterizza sempre più come voto di pancia e di protesta. La strada da perseguire non può che quindi essere quella di ritrovare l’unità di tutte le anime del centrodestra così come ci chiedono i cittadini, e presentarci compatti alle prossime sfide elettorali”.