I militari del Comando Provinciale Carabinieri di Catania hanno svolto nei giorni scorsi vari servizi per il contrasto all’illegalità diffusa. In particolare, i Carabinieri delle Compagnie di Catania Piazza Dante e Catania Fontanarossa supportati dai colleghi del 12° Reggimento “Sicilia” sono stati impegnati in un servizio a largo raggio nel capoluogo etneo. I Carabinieri, nel quartiere di “Canalicchio” e nelle principali piazze del centro cittadino, mediante l’impiego di pattuglie dinamiche hanno identificato numerose persone ed hanno intensificato i controlli per verificare il rispetto delle norme del codice della strada.

Furti di energia elettrica

Nell’ambito del territorio di competenza i carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa, e il personale della Enel Distribuzione e di Acoset hanno effettuato diversi interventi volti al contrasto del diffuso fenomeno delle truffe ai gestori di forniture dei servizi elettrico ed idrico mediante allacci abusivi alla rete pubblica. Hanno bussato così alla porta di diversi utenti residenti nel quartiere di “Librino”, denunciando 10 persone che usufruivano di energia elettrica “a contatore spento”, rilevando pertanto l’allaccio manomesso e direttamente collegato alla rete pubblica.

Acqua a scrocco

È scattata inoltre la denuncia per 5 persone per le quali il personale dell’Acoset ha riscontrato presso le rispettive abitazioni l’applicazione del classico “bypass” al contatore.

I controlli su strada

I controlli alla circolazione stradale hanno consentito di effettuare accertamenti su diversi veicoli elevando contestualmente 12 sanzioni amministrative per un ammontare complessivo di quasi 4.000 euro. Per due veicoli è scattato inoltre il sequestro e fermo amministrativo per mancata copertura assicurativa e mancato utilizzo del casco protettivo. I controlli alla circolazione stradale hanno consentito d’identificare oltre 60 persone e controllare diversi veicoli per i quali sono state rilevate 6 violazioni al codice della strada (mancata copertura assicurativa e mancata revisione del veicolo) che comporteranno complessivamente il pagamento di sanzioni per oltre 1.000 euro.