Parte da Catania la sfida dei Giovani imprenditori siciliani. Un patto generazionale da sottoscrivere tra i Giovani imprenditori siciliani di Confindustria e i rappresentanti del governo nazionale e regionale. Tre tavole rotonde con docenti universitari, politici, imprenditori, giornalisti, rappresentanti del mondo del credito. Ma soprattutto storie d’impresa e un momento di confronto per tracciare, alla presenza, tra gli altri, del viceministro delle infrastrutture e dei trasporti, Giancarlo Cancelleri, e del presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, le linee guida affinché la decisione dei giovani siciliani di emigrare sia solo una scelta e mai una necessità.

Di questo si parlerà domani a Catania in occasione dell’incontro “Una impresa a Statuto Speciale”, organizzato dal gruppo dei Giovani imprenditori della Sicilia, che si terrà, a partire dalle 10, presso il Sal – Spazio Avanzamento Lavori.

“Ormai da un anno – afferma il presidente dei Giovani imprenditori siciliani, Gero La Rocca – colleghiamo le nostre attività a un hashtag: #restoinsicilia, che è insieme un monito e un incoraggiamento che rivolgiamo a noi stessi e ai giovani che incontriamo, perché troppo spesso come in un lapsus automatico il nostro #restoinsicilia diventa #resistoinsicilia. Ma noi resistiamo perché sappiamo che la nostra è una regione ‘speciale’, dove operano donne e uomini all’interno di imprese anch’esse speciali, loro malgrado e per necessità”.