Alla fine il Premier Conte ha deciso di fare la voce grossa e così arriva l’accordo fra le forze di governo per la nomina di 42 Sottosegretari e 10 Viceministri già nel Cdm di questa mattina.

Sono, dunque, un totale di 52 gli incarichi di sottogoverno. La maggioranza va al Movimento 5 Stelle con 21 incarichi, di cui 6 viceministri. Al Pd vanno 18 sottosegretari e 4 viceministri, a Leu 2 sottosegretari. LEGGI QUI LA LISTA COMPLETA DELLE NOMINE

Oggi si chiude la lista ma il giuramento è atteso per lunedì prossimo.

I primi nomi che vengono ufficializzati sono quelli dei Viceministri fra i quali ci sono due siciliani. Si tratta complessivamente di  Antonio Misiani per il Pd e Laura Castelli per il M5s all’Economia, Stefano Buffagni (M5s)  allo Sviluppo economico e Marina Sereni (Pd) oltre a Emanuela Del Re (M5s) agli Esteri.

I siciliani si trovano nella seconda parte dell’elenco ufficiale. Ce la fa il 5stelle Giancarlo Cancelleri che va alle Infrastrutture, mentre Vito Crimi sarà vice ministro dell’Interno insieme a Matteo Mauri del Pd. Poi ci sono il 5s Pierpaolo Sileri alla Salute, la Dem Anna Ascani andrà all’Istruzione. Si aggiungono ai tre ministri siciliani, due 5 stelle ed uno Pd, quest’ultimo oggi a Palermo.

Nessun siciliano nominato in casa Pd neanche fra i Sottosegretari ma ci sono tre siciliani di estrazione 5 stelle due dei quali sono palermitani. Si tratta del palermitano Manlio Di Stefano agli Esteri, del messinese di Barcellona Pozzo di Gotto Alessio Villarosa all’Economia della siracusana Lucia Azzolina nominata all’Istruzione e del palermitano Stanislao (Steni) Di Piazza al Lavoro.

Niente siciliani neanche in casa Leu dove il posto va a due donne: Michela Rostan e Rossella Muroni, molto probabilmente all’Ambiente.

L’incarico che mi è stato conferito mi riempie di orgoglio e soddisfazione, ma mi attribuisce anche un’ enorme responsabilità che cercherò di onorare col massimo impegno, come del resto, ho sempre fatto finora all’interno del Movimento e come portavoce del gruppo regionale all’Ars”.

Lo afferma Giancarlo Cancelleri, a commento della nomina a viceministro delle Infrastrutture e Trasporti appena arrivata da Roma.

“Ci sarà – dice Cancelleri – moltissimo da lavorare e non vedo l’ora di cominciare a farlo per cercare di dare quelle risposte che in questi nevralgici settori si aspetta I’Italia e, soprattutto, la Sicilia, dove la rete viaria e le infrastrutture in genere sono messe malissimo e per i trasporti c’è tantissimo da fare. Un ringraziamento particolare va a tutti gli attivisti siciliani che col loro sostegno hanno contribuito in maniera determinante a portare il Movimento al governo nazionale, a tutti i portavoce siciliani e ai colleghi del gruppo parlamentare all’Ars, compagni di tante battaglie”.

Siamo estremamente felici per il nostro Giancarlo Cancelleri, indicato quale vice ministro di uno dei dicasteri più importanti per il nostro Paese, quello dei Trasporti e delle Infrastrutture che vedrà pertanto la Sicilia e le sue esigenze in enorme considerazione. Giancarlo rappresenta l’anima del Movimento in Sicilia e uno dei fondatori a livello nazionale”. A dichiararlo è il capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars Francesco Cappello, che insieme al gruppo parlamentare esprime felicitazioni al collega.

“Giancarlo – spiega Cappello – c’era quando era praticamente un’utopia far eleggere un solo consigliere comunale in una piccola città e c’è ancora oggi che siamo forza di Governo. Il ruolo di componente dell’esecutivo Conte è una medaglia per la Sicilia, per l’impegno personale e per il Movimento 5 Stelle che, in Sicilia è e continua ad essere il primo soggetto politico in termini di percentuali e gradimento degli elettori. Sappiamo bene che quello dei trasporti e delle infrastrutture è uno dei nodi cruciali per la nostra terra. Non c’è sviluppo, non c’è assistenza sanitaria, non c’è impresa e turismo se non ci sono strade, ponti e infrastrutture. Ecco perché è assolutamente strategico che il nostro Cancelleri possa portare le esigenze della Sicilia nell’agenda del governo nazionale. Il nostro augurio va anche agli altri siciliani che completano la squadra di governo” – conclude il capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars”.

I parlamentari del M5S di Palermo Roberta Alaimo, Valentina D’Orso, Giorgio Trizzino e Adriano Varrica, commentano con gioia la nomina del senatore palermitano Steni Di Piazza, sottosegretario Lavoro e Politiche sociali.

“Per anni Steni Di Piazza – scrivono in una nota – si è distinto con Banca Etica per le sue coraggiose politiche per il lavoro che hanno consentito a migliaia di giovani di avviare una azienda e crearsi un futuro, ma anche nel terzo settore e il supporto alle cooperative sociali. La nomina di sottosegretario al Lavoro è il riconoscimento di un percorso che premia le qualità di Di Piazza e inorgoglisce la delegazione siciliana del MoVimento 5 Stelle che alle scorse elezioni ha fortemente voluto Steni candidato nell’uninominale di Palermo”.

“Con la nomina dei sottosegretari si completa la nuova squadra del Conte bis e la Sicilia può contare su una nutrita e qualificata rappresentanza in ministeri importanti” si legge in una nota di Sicindustria.  “È una opportunità – aggiungono gli industriali – che non deve essere sprecata. Lavoro, infrastrutture, economia, istruzione, giustizia rappresentano tutti snodi cruciali per una crescita reale del Mezzogiorno. Nell’augurare buon lavoro al nuovo Governo, le imprese siciliane auspicano che si possa davvero garantire quell’attenzione nell’agenda politica nazionale e quella spinta operativa indispensabili per rendere l’Isola competitiva e attrattiva”.