I legali di Mario Ciancio Sanfilippo hanno presentato ricorso contro il provvedimento di sequestro e confisca dei beni disposto dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale nei confronti di beni dell’imprenditore.

L’udienza è stata fissata dalla seconda Corte d’appello per il 4 dicembre. Il 13 novembre, intanto, si terrà un’altra udienza del processo a Mario Ciancio Sanfilippo per concorso esterno all’associazione mafiosa davanti la prima sezione del Tribunale penale.

Il ricorso è stato depositato dagli avvocati Carmelo Peluso, Francesco Colotti e Nerio Giuseppe Diodà. Il sequestro finalizzato alla confisca per beni stimati in complessivi 150 milioni di euro è stato chiesto dalla Procura Distrettuale ed eseguito il 24 settembre dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Catania.

Tra i beni interessati dal provvedimento, oltre a conti correnti e immobili, vi sono il quotidiano ‘La Sicilia’, la maggioranza delle quote della ‘Gazzetta del Mezzogiorno’ di Bari, due emittenti televisive regionali, ‘Antenna Sicilia’ e ‘Telecolor’, la società che stampa quotidiani Etis e la Simeto docks concessionaria di pubblicità e affissioni.

Il Tribunale ha nominato amministratori giudiziari Angelo Bonomo e Luciano Modica per garantire la continuazione dell’attività del gruppo.

LEGGI ANCHE

LA LUNGA LETTERA DI CIANCIO