I Carabinieri della “Squadra Lupi” del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato, nella flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, il 56enne catanese Sebastiano Litrico.

Era diventato l’obiettivo dei “Lupi” che, infatti, avevano assunto informazioni secondo le quali l’uomo, già da loro conosciuto per reati in materia di droga, stava incrementando la sua attività di spacciatore.
Hanno così deciso di fargli visita nel suo ritrovo abituale, una sala giochi in piazza Cutelli, dove lo hanno fermato mentre tentava la fortuna ad una slot machine.

I militari quindi, al fine di alleviare le sue eventuali responsabilità di fronte alla legge, gli hanno chiesto se avesse droga da consegnare ma, alla sua risposta negativa, hanno deciso di fare un controllo nella sua abitazione di via Serravalle.

L’atteggiamento dell’uomo era certo cambiato ma, ha preferito non consegnare nulla, nonostante il suo nervosismo avesse già fatto intuire ai militari d’aver fatto centro ed ecco che, infatti, all’interno degli slip indossati da Litrico hanno trovato un involucro con una pietra di cocaina e 70 euro, quindi, altri quantitativi di cocaina in forma solida per un totale di 55 grammi nei posti più disparati dell’abitazione: 3 involucri all’interno di una scatola di farmaci su una mensola della cucina ed altri 6 all’interno di un pacchetto di sigarette nascosto sotto dei cuscini ma dulcis in fundo, come un segugio, un militare ha scovato all’interno della cappa della cucina un tesoretto di 3.800 euro, presumibile provento dell’attività illecita.

L’arrestato è stato portato nel carcere catanese di Piazza Lanza.