La Polizia di frontiera dell’aeroporto di Catania ha arrestato un cittadino marocchino di 34 anni in quanto destinatario di un’ordinanza su richiesta di applicazione di misura cautelare agli arresti domiciliari. L’uomo stava per partire per Marrakech.

L’uomo, in diverse occasioni, avrebbe aggredito la moglie, colpendola con pugni e calci e procurandole varie ferite, anche quando la donna era in stato di gravidanza. Il marocchino avrebbe costretto la donna  penose condizioni di vita e le avrebbe provocato un costante stato d’ansia. In numerose occasioni la moglie sarebbe anche stata minacciata di morte.

Il marocchino sperava di potere fuggire dall’Italia ma la Polizia nel corso dei controlli lo ha identificato e posto ai domiciliari a disposizione del Tribunale di Reggio Calabria.