Le fave “a cunigghiu” sono un piatto tipico di origine contadina della cucina siciliana il cui termine dialettale in siciliano significa ” a coniglio” per il motivo che, di seguito, vi andremo a spiegare.

Il termine “cunigghiu” ,ovvero coniglio, deriva dal fatto che, anticamente, venivano servite in  piatto  unico che veniva posto al centro della tavola per tutti i commensali e dal quale ognuno soleva prelevare, con le mani,  le fave usando le tre dita pollice, indice e medio estraendo, con l’ aiuto degli incisivi, rapidamente  la fava dalla buccia proprio come  fanno i conigli.
Sebbene oggi ad ogni commensale venga riservato un proprio piatto a cui attingere,  il rituale è rimasto identico ( a meno che, ovviamente,  non si voglia commettere l’atto “sacrilego” di utilizzare il cucchiaio).

E’ un piatto di origini umili che si ricollega alla cucina del recupero tanto cara alle nostre nonne, come già abbiamo visto con le polpette di pane al sugo e con le polpette di broccolo, solo per citare alcuni esempi,  poiché erano solite prepararlo sia con le fave secche che con quelle fresche verdi di fine produzione che, essendo più grosse e non più tenerissime, non si prestavano ad essere consumate ” a crudo” e quindi si utilizzavano cotte in una zuppa, più o meno brodosa, in  base al gusto personale e alla stagione più o meno fredda, divenendo un modo ghiotto di consumare, in alternativa all’altrettanto comune “frittedda”,  un legume ricco di proprietà come le fave. Nonostante si tratti di un piatto “povero”, come spesso avviene per molti  piatti della tradizione, siciliana e non, vi sono ricette  talmente gustose da meritare di essere presentate dinanzi ad un re.

Per tutti coloro che sono amanti dei piatti poveri dal gusto ricco degno di un re, proponiamo la semplice e gustosa ricetta delle fave a cunigghiu per realizzare la quale potrete acquistare direttamente on line le fave secche dell’azienda Terravecchia , e, una volta cotta, condirle con l’olio extravergine di oliva Madonia , e l’origano siciliano dell’azienda Due Palmenti. Per accompagnare degnamente il pasto potete scegliere un vino Etna Bianco Planeta che con la sua struttura e corposità ben si presta ad un piatto ricco di gusto nonostante la sua apparente semplicità.
Tutti gli ingredienti suindicati sono disponibili sul  sito di InSicilia, l’e-commerce di prodotti tipici siciliani che ha aderito alle campagne social #iorestoacasa e #iomangioebevosiciliano per consentirvi di ricevere la spesa comodamente a domicilio.