Anche se da tre giorni è “ufficialmente” iniziata la primavera, il tempo brutto, unito alle giornate casalinghe, ci spingono a preparare piatti che ci confortino  regalandoci  un abbraccio caldo  e avvolgente. La zuppa di ceci farà al caso nostro.

 

I ceci sono dei legumi salutari dalla storia molto antica dal momento che le prime notizie e testimonianze  della loro coltivazione   riguardano l’Età del Bronzo e la zona dell’Iraq ed erano un alimento  diffuso tra Greci, Romani ed Egizi. 

Nella produzione mondiale di legumi i ceci, noti, soprattutto per il loro contenuto di proteine e per il loro sapore gustoso e delicato che si sposa con molti piatti, si trovano al terzo posto, dopo la soia e i fagioli. La tipologia più  diffusa è quella  di colore chiaro ma, anche in Italia,  soprattutto in alcune zone della Toscana, dell’Umbria e della Puglia, vengono ancora coltivate delle varietà antiche che sono di colore scuro, praticamente nero, dal gusto più intenso.

I ceci rappresentano un’ottima fonte proteica tra le proteine di origine vegetale e per questo motivo sono molto utilizzati nell’alimentazione di vegani e vegetariani, anche sotto forma di burger o polpette, come le polpette di lenticchie  e le polpette di broccolo o le polpette di pane, oltre che di zuppe e minestre e, anche come ingrediente da inserire in insalate, cous cous o taboulè.
Per quanto riguarda le proteine vegetali bisogna ricordare che è necessario abbinare i legumi, come i ceci, ai cereali integrali, per fare in modo che il nostro organismo abbia a disposizione tutti gli aminoacidi essenziali che ha bisogno di ricavare dall’esterno dato che i cereali sono carenti in metionina e cisteina e si compensano con i legumi che invece sono carenti in lisina, presente però proprio nei cereali.Inoltre, per essere meglio assimilati dal nostro organismo, è sempre consigliabile abbinarli con la vitamina C.
I ceci, inoltre, oltre ad essere  un alimento ricco di proteine,  sono anche una fonte di sali minerali, in particolare di calcio, ferro, fosforo e potassio,  vitamina A e vitamine del gruppo B.

Dal momento che la zuppa è un primo piatto gustoso che, in genere, fa contenti proprio tutti i palati, di seguito proponiamo una zuppa in cui ai ceci uniamo miglio, verza e carote per ottenere  è un primo  piatto unico ricco e gustoso, ottimo, anche,  per chi è intollerante al glutine.
Questa zuppa rappresenta  un’alternativa salutare per le proprietà benefiche dei suoi ingredienti, con un ottimo apporto di proteine vegetali, vitamine, fibre. Il miglio, in particolare, è un cereale  ricco anche di lecitina che aiuta a mantenere basso il colesterolo cattivo.

Vi ricordiamo, inoltre, che potrete acquistare tutti gli ingredienti per realizzarla sul sito di InSicilia,
l’e-commerce di prodotti tipici siciliani che ha aderito alle campagne social #iorestoacasa e #iomangioebevosiciliano per consentirvi di ricevere la spesa comodamente a domicilio.

Zuppa di ceci, miglio e verza

Ingredienti (per 4 persone) 
2 tazze di ceci secchi
1 tazza di miglio decorticato
4 cucchiai di polpa di pomodoro
4-5 foglie di verza
1 piccola carota
1 foglia di alloro
2 rametti di rosmarino
2 rametti di timo
1 foglia di salvia
1 scalogno
sale e pepe q.b.
olio extravergine di oliva

 

La notte precedente mettete a bagno separatamente i ceci e il miglio in abbondante acqua. Il giorno seguente  sciacquate bene il miglio e recuperate parte dell’acqua di ammollo dei ceci in una pentola grande. Unite i ceci, la carota tagliata a pezzetti, i pomodori spezzettati, lo scalogno, la salvia, il timo, il rosmarino e l’alloro.
Unite 2 cucchiai di olio e mettete a cuocete a fuoco moderato per circa 40 minuti, mescolando ogni tanto sempre con un cucchiaio di legno. Intanto lavate la verza, tagliatela a listarelle e unitela alla zuppa a metà cottura.
A fine cottura salate. Servite la zuppa di ceci, miglio e verza decorando con rametti di timo e un giro di olio di oliva. A vostro gusto potete accompagnare con dei crostini di pane caldo.