La polizia municipale di Messina, ha multato due nudisti sulla sulla spiaggia di Capo Rasocolmo, a Piano Torre.

Maxi multa di oltre tremila euro

I due dovrebbero pagare una multa di 3.333 euro per atti contrari alla pubblica decenza. I controlli degli agenti – si legge in una nota della Polizia Municipale – proseguiranno “per contrastare questo fenomeno, al fine di rendere la spiaggia fruibile a tutta la cittadinanza, bambini compresi, e non interdetta a causa di questi atteggiamenti indecenti”.

Naturismo di moda

Il naturismo o nudismo sta diventando sempre più una filosofia di vita e di moda in molte spiagge italiane. In Sicilia, Taormina è tra le mete più note: la spiaggia di Forza d’Agrò, in contrada Parrino e poi Rocce Bianche, nota a livello internazionale.

Nel Palermitano

La riserva naturale di Capo Gallo-Barcarello è tra le più gettonate. E da quella parti c’è anche una spiaggia, a Sferracavallo, con un’insenatura poco frequentata. Infine a Lascari tra Salinelle e Gorgo Lungo.

Nel Trapanese

A San Vito lo Capo, alla Riserva dello Zingaro, a Guidaloca, Selinunte e a Castellammare del Golfo alcune delle mete apprezzate dai naturisti.

Nel Catanese

Dalle parti di Acireale, un altro luogo frequentato dagli amanti del nudismo.

Nel Siracusano

Non lontano dall’Oasi naturale di Vendicari, altre insenature apprezzate dai naturisti.

Nell’Agrigentino

In provincia di Agrigento c’è un’ampia scelta: una volta, prima della forte erosione costiera, c’era la spiaggia di Eraclea Minoa. Poi a Menfi alcune baie poco note e nella spiaggia della Foce del fiume Platani e Torre Salsa. Ma anche a Lampedusa qualche turista si improvvisa nudista, approfittando di qualche caletta poco frequentata.