Una vera e propria escalation di violenza è quella che si registra all’interno della casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto (Me). Dentro il carcere sono state segnalate continue aggressioni ai danni dei Poliziotti Penitenziari da parte di alcuni detenuti. A darne notizia è il sindacato dei poliziotti che operano all’interno del sistema carcerario italiano. “Ciò che sta accedendo nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto è inaccettabile – dice segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria “S.PP.” Aldo Di Giacomo -, Non siamo più disposti a contare i casi di aggressione a nostri colleghi e a rivendicare tutela senza essere ascoltati. Ora basta.

In seguito all’ennesima aggressione ora il sindacato annuncia l’avvio della protesta. “Vogliamo avviare nuove ed inedite forme di protesta, senza escludere nulla – spiega Di Giacomo – perché è evidente, salvo al Ministro della Giustizia ed a vertici del DAP, che il personale di polizia penitenziaria è nel mirino della criminalità che continua ad essere organizzata anche in cella, come denunciamo da troppo tempo”.

Sotto accusa da parte del sindacato c’è la chiusura degli OPG senza prima trovare altri luoghi in cui portare i detenuti affetti da problematiche di natura psichiatrica. “Oggi – continua il sindacalista – sono relegati in strutture carcerarie comuni, spesso anche prive dell’indispensabile sostegno e della presenza costante di uno specialista in psichiatria o psicologia”. Intanto il carcere di Barcellona Pozzo di Gotto, come le restanti carceri della Sicilia, versa in condizioni preoccupanti.