È morto Pino Scaccia, storico inviato della Rai ed ex capo redattore dei servizi speciali del Tg1. Il giornalista, nato a Roma, aveva 74 anni.

Era ricoverato al San Camillo della Capitale e si è aggravato a seguito delle complicazione dovute all’infezione da Covid-19.

Inviato sui principali eventi internazionali degli ultimi 40 anni, Scaccia è stato in prima linea anche su temi italiani, dalla mafia al terrorismo.

Pino Scaccia, pseudonimo di Giuseppe Scaccianoce, Ha seguito numerosi avvenimenti, dalla prima guerra del Golfo al conflitto serbo croato, dalla disgregazione dell’ex Unione Sovietica e della ex Jugoslavia, fino alla crisi in Afghanistan, oltre al difficile dopoguerra in Iraq fino alla rivolta in Libia.

Ha realizzato numerosi reportage in tutto il mondo, è stato il primo reporter occidentale ad entrare nella centrale di Černobyl’ dopo il disastro, a scoprire per primo i resti di Che Guevara in Bolivia e a mostrare le immagini fino a quel momento segrete dell’Area 51 nel deserto del Nevada.

È stato docente del master di giornalismo radiotelevisivo all’Università Lumsa di Roma. Ha scritto 15 libri.