Proprio nelle ore in cui anche la costola siciliana di Forza Italia si avvicina alla Lega c’è un’altra Forza Italia che dice di no al progetto nazionale di avvicinamento ai sovranisti. E’ quell’area che dagli azzurri sembra allontanarsi con una diaspora ‘a metà’ e che da vita al Movimento dei Sudisti Italiani, in via di costituzione. Un’area che ci tiene a qualificarsi come un “contenitore” politico di stampo moderato, in cui ben presto potranno confluire molti “forzisti” ed anche molti “grillini” delusi, con l’intento di contrastare l’avanzare dei partiti sovranisti, Lega e Fratelli d’Italia, sopratutto nelle regioni del Sud Italia, che costituiscono un ampio serbatoio di voti.

E’ il Movimento di Mara Carfagna e Gianfranco Rotondi che inizia a prendere forma. Nasce con l’intento di contrapporsi alla Lega, traducendo in progetti politici i malumori del popolo meridionale che vive il disagio della disoccupazione e dell’ indigenza ed è costretto a subire continue invettive e provocazioni dal Nord Italia che rivendica la propria autonomia economica.

E’ una sorta di manifesto quello comunicato nel fine settimana appena trascorso: “Si staglierà netto nell’orizzonte politico un confronto tra il Sud e il Nord del nostro Paese, tra centrosinistra e destra, tra democratici e sovranisti. In definitiva, vi sarà una contrapposizione di contenuti ed azioni politiche davvero trasformativa dell’esistente, tuttavia in termini dialettici ed operativi, sempre nel rispetto delle diversità di pensiero. Qualcuno sostiene che il Presidente Silvio Berlusconi guardi con attenzione al Movimento pro Sud, quasi potesse divenire una nuova “Forza Italia del Sud”, impegnata nella ricostruzione del centro democratico nel nostro Paese. Se le cose dovessero andare bene e il Movimento crescesse nei consensi, ecco che Forza Italia e Berlusconi avrebbero trovato il giusto alleato con cui ricostruire il centro e sdoganare finalmente l’ingombrante Salvini”.

E ancora: “Non vi è dubbio che l’intento del Movimento Sudista sia quello di ricreare in Italia il centro, che guardi leggermente a sinistra, che formuli leggi finalizzate all’incremento del lavoro, della solidarietà sociale, nonché alla rivalutazione del patrimonio ambientale e culturale del Sud Italia. Il Movimento dei Sudisti potrebbe far propri i consensi che attualmente appartengono al M5S per quanto attiene la questione meridionale, alla Lega per quanto attiene la contrapposizione politica e territoriale, al PD per quanto attiene le politiche del lavoro e le politiche sociali.
Rinascerà in Italia la socialdemocrazia, ossia un mix del Partito Socialista e della Democrazia Cristiana della Prima Repubblica, la parte migliore di essa, partendo, come allora, dai territori del Mezzogiorno d’ Italia”.

Berlusconi lo sa e sa bene che politici come Mara Carfagna e Gianfranco Rotondi, che hanno preso le distanze dall’eventuale confluenza di Forza Italia nei partiti sovranisti e, pertanto, minacciano di abbandonarla, in realtà non stanno facendo altro che costruire le basi per condurre il partito azzurro verso sponde moderate e democratiche. Un progetto che a Berlusconi potrebbe, in fondo, non dispiacere neanche troppo.