Ci sarebbe anche Claudio de Magistris , fratello del sindaco di Napoli, tra i nove indagati per il caso del flash mob organizzato dal cantante neomelodico palermitano Tony Colombo lo scorso 25 marzo, in piazza del Plebiscito in occasione del suo matrimonio. Assieme a Colombo sono iscritti nel registro degli indagati anche il fratello del sindaco di Napoli, due ufficiali della polizia Municipale, i tre vigili urbani di pattuglia quella sera, una staffista della segreteria del sindaco e una dipendente comunale.

In particolare Claudio de Magistris sarebbe tra le 8 persone indagate per il concerto organizzato in piazza del Plebiscito da Tony Colombo il giorno prima delle nozze con Tina Rispoli, vedova del boss degli scissionisti Gaetano Marino, ucciso a Terracina nel 2012.

I fatti risalgono al 26 marzo. Quello che doveva essere solo un piccolo flash mob si trasformò in un vero e proprio concerto sul quale anche la Municipale partenopea aveva aperto le indagini. In occasione delle nozze era stato organizzato anche un corteo con carrozze, cavalli e artisti di strada generando il caos in Corso Secondigliano.