In Terrasanta si combatte una guerra sporca, fatta di attentati quotidiani dei palestinesi anche contro la popolazione civile di Israele che risponde a tono. Una guerra che usa anche i bambini, strumenti e vittime inconsapevoli della violenza.

La Ong B’Tselem, un centro di documentazione israeliano per la difesa dei diritti umani nei territori occupati, ha denunciato i caso di un bambino palestinese di dieci anni e di un ragazzini di 13 bloccati e bendati da soldati israeliani.

Il 3 novembre 2019 i soldati di Israele hanno arrestato ‘Abd a-Razeq Idris, 13 anni, lo hanno caricato su una jeep, lo hanno portato a circa un chilometro da casa sua, dove lo hanno portato fuori dalla jeep e lo hanno portato, bendato, per le strade. I soldati si sono rifiutati di riconsegnare il ragazzo al padre. Invece, lo hanno portato in un posto militare nell’insediamento di Kiryat Arba, dove lo hanno interrogato sull’identità di alcuni ragazzi che avevano lanciato pietre contro i militari, prima di rilasciarlo.


“Questo caso non è un’aberrazione, fa parte della violenza di routine imposta ai palestinesi a Hebron dalle forze di sicurezza e dai coloni israeliani, inclusi attacchi fisici, minacce, abusi verbali, incursioni dei soldati nelle case (di solito di notte)”, sostiene la Ong israeliana. “Israele cita la sicurezza per giustificare questa condotta e la segregazione che impone alla città”.
E B’Tselem cita in un post su facebook  un altro caso, quello di Qusai al-Ja, 10 anni; il ragazzino, venerdì 18 ottobre, è stato prelevato dai soldati, mentre lavorava con il padre e un cugino di 17 anni. Poco prima, dei ragazzini travisati erano fuggiti, dopo aver tirato pietre ai militari. Il padre di Qusai, Ibrahim, 31 anni, ha cercato di convincere i soldati a lasciare andare suo figlio. Uno dei soldati ha sparato un solo colpo in aria. La madre di Qusai, Khitam, 29 anni, e altri parenti hanno cercato di intervenire, ma i soldati li hanno spinti e non li hanno fatti avvicinare a Qusai. I soldati hanno anche lanciato bombe stordenti, e uno ha sparato un altro colpo in aria.

I soldati hanno ammanettato e bendato Qusai all’interno della jeep, e lo hanno portato ad un posto militare nel villaggio di Carmei Tzur, a circa 150 metri da casa sua. I militari hanno fatto sedere il ragazzo su una sedia nel cortile. Suo padre è arrivato pochi minuti dopo, e i soldati lo hanno fatto entrare. Ibrahim al-Ja era accanto a suo figlio mentre un soldato gli ha chiesto dei suoi amici e dei due bambini mascherati che avevano corso sulla strada prima. Anche il soldato ha chiesto al padre dei due bambini. Alle 9:30 p. M., dopo più di tre ore, i soldati hanno lasciato andare Qusai e lui è tornato a casa con suo padre.

B ‘Tselem sostiene che quello di Qusai non sia un caso isolato; la Ong ha documentato precedenti episodi in cui le forze armati Israele hanno arrestato illegalmente bambini palestinesi al di sotto dell’età della responsabilità criminale. Trattenere un bambino di dieci anni, ammanettato e bendato, per qualsiasi quantità di tempo, è impossibile, sia che abbia lanciato pietre o no. “Il trattamento dei bambini di dieci anni da Beit Ummar è un altro esempio della routine quotidiana di controllo e oppressione che Israele impone a tutti i palestinesi della West Bank, nell’ambito del suo regime di occupazione”.