Papa Francesco è stato costretto a cancellare una celebrazione liturgica con il clero romano alla Basilica di San Giovanni in Laterano a causa di una «lieve indisposizione».

Un portavoce del Vaticano, scrive il Daily Mail, ha reso noto che il pontefice 83enne continuerà a svolgere il resto degli impegni previsti per la giornata di oggi, giovedì 27 febbraio, ma ha preferito restare negli ambienti vicini a Santa Marta piuttosto che recarsi altrove.

Non si sa nulla sull’origine dell’indiposizione del Papa ma è stato visto tossire e soffiarsi il naso durante la Messa del Mercoledì delle Ceneri. Tra l’altro, ha riportato sempre il tabloid britannico, il Pontefice aveva anche baciato la testa e toccato i volti di chi ha incontrato in piazza San Pietro, esprimendo così solidarietà a chi sta soffrendo per il coronavirus.

Papa Francesco, rimarca il giornale britannico, ha generalmente goduto di buona salute, nonostante abbia perso parte di un polmone da giovane a causa di una malattia respiratoria e soffre anche di sciatica, motivo per cui fa spesso fatica a camminare correttamente.

Ultimamente, poi, il Pontefice sudamericano ha dovuto sottostare a un programma intenso di attività e soltanto alcuni dei 12mila fedeli che si sono presentati per vederlo in piazza San Pietro hanno indossato le mascherine anche se, sappiamo, sono utili soltanto per le persone infette proprio per evitare la diffusione del contagio.

Nonostante ciò, lanciando anche un messaggio importante e distensivo in un momento di panico come quello che si sta vivendo in Italia, Papa Francesco ha ugualmente stretto mani e baciato anche alcuni dei bambini presenti in piazza, come spesso fa. Tuttavia, in pochi sanno che Bergoglio non accetta i baci sull’anello perché sostiene che tale pratica possa diffondere i germi. Insomma, non si può dire che il Papa non stia attento alle buone pratiche di igiene…