Moderna ha deciso di intentare una causa contro Pfizer e BioNTech per la violazione dei brevetti sui vaccini anti Covid-19.

Ne ha dato notizia la stessa azienda farmaceutica tramite in una nota dove si legge che la causa riguarda la violazione di “brevetti fondamentali per la propria piattaforma tecnologica mRNA. Moderna ritiene che il vaccino Covid-19 di Pfizer e BioNTech, Comirnaty, violi i brevetti che Moderna ha depositato tra il 2010 e il 2016 sulla tecnologia mRNA di base di Moderna. Questa tecnologia rivoluzionaria è stata fondamentale per lo sviluppo del vaccino mRNA Covid-19 di Moderna, Spikevax. Pfizer e BioNTech hanno copiato questa tecnologia, senza il permesso di Moderna, per realizzare Comirnaty”.

Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna, ha spiegato: “Stiamo intentando queste cause per proteggere l’innovativa piattaforma tecnologica mRNA che abbiamo sperimentato, su cui abbimo investito miliardi di dollari e brevettato durante il decennio precedente la pandemia di Covid-19“.

E ancora: “Questa piattaforma fondamentale, che abbiamo iniziato a costruire nel 2010, insieme al nostro lavoro brevettato sui coronavirus nel 2015 e nel 2016, ci ha permesso di produrre un vaccino Covid-19 sicuro e altamente efficace in tempi record dopo lo scoppio della pandemia. Mentre lavoriamo per combattere le sfide sanitarie che vanno avanti, Moderna sta utilizzando la nostra piattaforma tecnologica mRNA per sviluppare medicinali in grado di curare e prevenire malattie infettive come l’influenza e l’HIV, nonché malattie autoimmuni e cardiovascolari e forme rare di cancro”.

Pfizer – BioNTech (l’azienda che ha distribuito il più alto numero di vaccini anti Covid-19 in tutto il mondo), su diversi media, ha scelto di non commentare, pur precisando di non avere ancora ricevuto copia della vertenza.