Su disposizione dell’Autorità giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima un quarantunenne che stamani ha aggredito un commissario della Polizia municipale, negli uffici di piazza Giulio Cesare.

L’uomo si era presentato stamattina, accompagnato dalla moglie, al posto di un’altra persona convocata ieri per accertamenti a seguito del sequestro di una attività di somministrazione di alimenti e bevande abusiva, nella zona di via dei Cantieri.

I due, che non avevano alcun titolo giuridico per l’istruzione della pratica né per acquisire informazioni, sono andati in escandescenze: la donna inveiva con frasi ingiuriose, mentre l’uomo colpiva con una testata il commissario.

Prontamente bloccati dai colleghi presenti sono stati condotti nella caserma di via Dogali.

L’uomo, S.F., indagato per traffico internazionale di stupefacenti, è stato denunciato per violenza e lesioni, la donna, M.S. di 42 anni, è stata denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale.

Il commissario è stato condotto al nosocomio ed è stato giudicato guaribile in 8 giorni.

All’agente è arrivata la solidarietà del Sindaco, che ha sottolineato come “comportamenti violenti ed incivili rivolti contro qualsiasi cittadino non sono tollerabili e ancora di meno lo sono quando rivolti contro dipendenti dell’amministrazione comunale che stanno svolgendo il proprio lavoro”.

Il sindaco ha annunciato la costituzione di Parte civile del Comune nel procedimento che sarà instaurato a carico dell’aggressore.