Cobas e Ugl revocano lo sciopero dei dipendenti Amat programmato per venerdì 13 maggio. A darne notizia Antonino La Barbera, segretario regionale dei Cobas del Lavoro Privato, e Corrado Di Maria, segretario provinciale Ugl-Autoferrotranvieri, dopo la riunione che si è tenuta ieri con i vertici dell’Amat.

“L’azienda – affermano i due sindacalisti – ha accolto le nostre richieste. Sui turni si è impegnata sin da subito a migliorare le condizioni di lavoro degli autisti e, in una fase successiva, a cercare soluzioni utili per l’efficientamento del servizio di trasporto pubblico urbano”.

L’apertura dell’Amat, secondo La Barbera e Di Maria, si è resa concreta con la convocazione lunedì di un tavolo sindacale “per affrontare alcuni dei problemi riguardanti i lavoratori, come la sicurezza a bordo degli autobus, l’inquadramento degli addetti alla conduzione dei tram, i criteri per il trasferimento degli autisti, la trasformazione dei contratti part-time in full-time”.

“Ringraziamo il direttore generale, Gianfranco Rossi, per il ritrovato dialogo – concludono La Barbera e Di Maria –. Tuttavia, qualora gli impegni assunti venissero disattesi, siamo pronti a riprendere la protesta”.