Riapre via Emerico Amari ma il il 30 novembre con una settimana di ritardo causa maltempo ma ancora il cantiere per l’anello ferroviario in prossimità del teatro Politeama  non sarà dismesso,  i suoi lavori continueranno almeno fino alla fine di febbraio.

E’ questo quello che emerge dalla visita sopralluogo del vice ministro per le Infrastratture Giancarlo Cancelleri, oggi a Palermo. Ritardi dovuti spiega il viceministro per mettere al sicuro e tutelare le strutture architettoniche del teatro e del chioschetto di Ribaudo.

“Se non ci fosse stata la pioggia, avremmo riaperto via Amari domani, con una settimana d’anticipo”. Sui ritardi per quanto riguarda il resto del cantiere aggiunge:  “Abbiamo trovato nel sottosuolo dei quarzi di arenite molto duri  la vibrazione dello scavo avrebbe compromesso le strutture. La soluzione tecnica di Rfi in accordo con la sovrintendenza prevede la perforazione del sottosuolo con una macchina più piccola, meno invasiva e che produce meno vibrazioni. Solo successivamente si interviene con macchine più grandi. Questo ha allungato ovviamente i tempi”.

Il cantiere si fermerà inoltre per una quindicina di giorni, a partire circa da metà dicembre in prossimità del Natale. A gennaio riprenderanno i lavori e, secondo le previsioni del viceministro, il cantiere verrà dismesso per la fine di febbraio.

“Rimarrà soltanto una piccola fascia sormontata da una passerella pedonale e che in basso ospiterà l’imbocco per permettere agli operai e ai mezzi di poter entrare, perché sotto si continuerà a lavorare – puntualizza Cancelleri -. Abbiamo accumulato un piccolo ritardo, che non potevamo prevedere e a cui i tecnici di Rfi hanno secondo me sopperito con grande intelligenza, che però consente di conservare i monumenti della città”.conclude.

“Siamo perfettamente coscienti del grande sforzo compiuto per recuperare i tanti, troppi mesi perduti dopo il fallimento della precedente impresa, ma comprendiamo anche che ogni ulteriore giorno di ritardo è motivo di preoccupazione per tutti coloro che dal cantiere subiscono un danno. Soprattutto in questo periodo e ancor di più in vista di un periodo festivo che si preannuncia estremamente complicato per il Covid-19, chiediamo ad Rfi ed all’impresa un ulteriore sforzo, in quello spirito di collaborazione che ha caratterizzato gli ultimi mesi di contatti e incontri”. Lo dice il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

“L’Amministrazione comunale ha chiesto ad Rfi e alla impresa esecutrice – spiegano gli assessori alla Mobilità, Giusto Catania, ed alle Attività Economiche, Leopoldo Piampiano – di predisporre quanto prima delle soluzioni tecniche che limitino i disagi per i residenti e i danni per i commercianti della zona. Oggi il viceministro Giancarlo Cancelleri ha comunicato che verranno sospese le attività durante in Natale, garantendo il passaggio pedonale all’incrocio con via Ruggero Settimo e sostituendo le barriere del cantiere con degli elementi trasparenti per non creare barriere visive; sono fra gli interventi che proprio l’amministrazione aveva chiesto durante l’ultima videoconferenza”.