A Palermo, gli ultimi dati disegnano una situazione sconfortante per quanto riguarda gli asili: su circa 1300 domande pervenute agli uffici del Comune, quasi 800 bambini, ovvero poco più del 60%, rimarranno fuori e dovranno rivolgersi a strutture private. Per questo, la misura voluta dal Movimento 5 Stelle e definita dal Ministro per il Sud, Barbara Lezzi, è particolarmente significativa. Per la costruzione di nuovi asili nido, vengono assegnati complessivi 21 milioni di euro alle città metropolitane del Sud (Bari, Cagliari, Catania, Messina, Napoli, Palermo, Reggio Calabria). La Sicilia, con tre città metropolitane beneficerà quindi di ben 9 milioni“. Lo affermano i parlamentari nazionali di Palermo del Movimento 5 Stelle, Roberta Alaimo, Steni Di Piazza, Valentina D’Orso, Aldo Penna, Giorgio Trizzino e Adriano Varrica.

“L’incuria del Comune – denunciano i parlamentari del M5S – in questi anni ha portato ad una situazione particolarmente problematica. Non permetteremo che accada in futuro quello che è successo ad alcuni asili del Capoluogo, abbandonati al loro destino, con strutture oggi non più recuperabili e in alcuni casi addirittura occupate abusivamente come successo a Borgo Nuovo e tolte ai nostri bambini, con conseguente sperpero di denaro pubblico. Il 27 aprile, quando accoglieremo il Ministro Lezzi a Palermo per accompagnarla a Brancaccio dove sorgerà il nuovo asilo finanziato con i fondi di Sviluppo e Coesione, parleremo anche di questo”.

LEGGI ANCHE

Asili nido comunali, approvate le graduatorie provvisorie