La polizia di Stato ha eseguito un “fermo di indiziato di delitto”, della procura di Palermo, nei confronti Mohamed Ben Jelloune, libico di 19 anni accusato di 8 furti e 5 rapine, nel centro storico cittadino nello scorso mese di ottobre.

Le indagini sono state condotte dagli agenti della squadra mobile e si sono avvalse delle descrizioni fornite dalle vittime e dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza acquisite nella zona di rapine e furti.

Il giovane a bordo di un motociclo o a piedi individuava le vittime e a volte con violenza portava via i cellulari.

Secondo le indagini Ben Jelloune sarebbe il responsabile del furto alla moschea di piazza Gran Cancelliere.

Il gip ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare nel carcere Lorusso di Pagliarelli.