Sottoscritto ieri in tarda serata dalla Delegazione trattante di parte comunale e dalle organizzazioni sindacali il contratto decentrato dei dipendenti del Comune di Palermo nella sua parte normativa.

L’accordo, che ha previsto il recepimento di tutti gli istituti contrattuali introdotti dal Contratto collettivo nazionale del 2018, costituisce la base per la parte economica, per la cui sottoscrizione si lavorerà già da questa settimana.

“Un adeguamento contrattuale – afferma il vicesindaco ed assessore al personale Fabio Giambrone – che renderà possibile una maggiore efficienza dei servizi cui corrisponderanno maggiori gratificazioni per i lavoratori”.

Per il vicesindaco che ha seguito la trattativa “la ritrovata sintonia con tutte le sigle sindacali è molto importante ed è una base importante su cui costruire una più forte collaborazione.”

Punti salienti dell’accordo decentrato sono l’introduzione di progetti-obiettivo per la polizia municipale, per le aree della Cultura, dello Sport, dell’informazione turistica e dei Cimiteri.

Viene inoltre introdotta l’indennità di disagio anche per gli assistenti sociali nonché quella di responsabilità, per diverse figure fra cui, oltre agli stessi assistenti, alcune figure apicali e i funzionari contabili-amministrativi.

Soddisfazione viene espressa anche dal sindaco Leoluca Orlando che sottolinea “l’importanza di una sintonia e collaborazione con i sindacati che rappresentano i dipendenti, asse portante di tutta la macchina comunale, dal cui lavoro dipende la qualità dei servizi resi alla comunità”.

“Un grande risultato – dicono Nicola Scaglione del Csa-Cisal, Lillo Sanfratello della Fp Cgil e Salvatore Sampino e Ileoneo Martinez della Uil Fpl – frutto di una lunga concertazione e di un proficuo contributo dei rappresentanti dei lavoratori. Non possiamo che essere soddisfatti di questo accordo che verrà finanziato grazie ad apposite somme in bilancio, con le quali si provvederà a riconoscere quanto dovuto anche ad altre categorie”.

La trattativa ha riguardato infatti la parte giuridica del contratto, a cui ora dovrà seguire quella economica dopo l’approvazione dell’assestamento di bilancio in consiglio comunale e il conseguente stanziamento di 1,5 milioni di euro. “Cifra contenuta nel contratto decentrato 2018 firmato solo da Csa-Cisal, Fp Cgil e Uil Fpl – dicono i tre sindacati e le Rsu del Comune – e che ha consentito di mettere in sicurezza le risorse gettando le basi per l’accordo di ieri. Prendiamo però atto che altre organizzazioni, che già non avevano firmato nel 2018, hanno provato a ostacolare anche questo accordo, pur accettandolo all’ultimo minuto”.

Il contratto prevede la conferma di tutti gli istituti pregressi; l’indennità per gli assistenti sociali, i funzionari contabili e amministrativi con compiti particolarmente gravosi e per coloro che svolgono servizi disagiati; un allargamento della platea delle figure professionali che percepiranno le indennità di funzione; l’indennità di servizio esterno per la Polizia Municipale. E ancora i progetti di produttività specifica per i servizi svolti di sabato, domenica e in occasione dei festivi infrasettimanali, come quelli dei vigili urbani o dei settori Cultura, Sport, Cimiteri e Turismo.

“Le guerre tra lavoratori sono inutili e l’accordo, frutto anche delle nostre proposte, consentirà di offrire risposte a tutti – concludono i sindacati – Un ringraziamento va al vicesindaco Fabio Giambrone e agli uffici per l’impegno e la sensibilità dimostrata nel corso delle trattative”.