Una conversazione aperta sulla reciprocità dell’incontro tra autore e lettore. È questo il tema dell’incontro organizzato dal Circolo dei lettori LiberiLibri domenica 15 dicembre alle 20.30 a Misilmeri con la scrittrice Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019.

Il Circolo di Lettura Liberi Libri ha alle spalle un’esperienza quinquennale di lettura condivisa e di incontri con gli scrittori. Itinerante, si riunisce attorno a un tavolo di una sala da tè o nel salotto privato di uno dei membri ed è promotore della rassegna letteraria Notturni d’autore, che negli ultimi anni ha animato, d’estate, la vita culturale del paese. “Per noi i libri sono in movimento, così come le idee, e gli uni e le altre non sono censurabili”, dicono i fondatori del Circolo, la giornalista Antonella Folgheretti e l’architetto Giuseppe Lo Bocchiaro.

L’incontro serale di domenica 15 dicembre che si svolgerà presso le cantine Buceci è una conversazione aperta tra autrice e lettori sulla traccia “Parole erranti”. Scelte non casuali, anzi. È un tentativo di far emergere la stretta connessione tra cultura e attività produttive e l’importanza di ascoltare e di riflettere coralmente sulla scrittura. Immancabile il brindisi con i vini dell’azienda di Franco Calderone, secondo tradizione.

Nadia Terranova nasce a Messina nel 1978. Studia alla facoltà di Filosofia della sua città ottenendo il dottorato in storia moderna. Nel 2003 si trasferisce a Roma, dove abita tutt’oggi. A partire dal 2012 pubblica cinque libri per ragazzi, fra i quali Bruno. Il bambino che imparò a volare, ispirato alla vita di Bruno Schulz, scrittore ebreo polacco. Nel 2015 viene pubblicato Gli anni al contrario, vincitore di numerosi premi. Collabora con numerosi blog e riviste e le sue opere vengono tradotte in Francia, Messico, Spagna, Polonia e Lituania.

Nella sua produzione letteraria la Terranova alterna romanzi classici a libri per ragazzi. Dopo la pubblicazione de Gli anni al contrario, è uscito Le nuvole per terra (selezionato al Premio Bancarellino), mentre nel 2016 esce Casca il mondo (finalista a diversi premi nazionali di letteratura). Nel 2018, per Einaudi, è uscito il romanzo Addio fantasmi, che nel dicembre dello stesso anno viene inserito tra i migliori dieci libri del 2018 nella classifica di qualità della rivista culturale La Lettura, inserto domenicale del Corriere della Sera. Il romanzo è stato nella cinquina finale del Premio Strega 2019. Nel febbraio 2019 Addio Fantasmi, già in corso di traduzione in venticinque Paesi, è stato acquistato dalla casa editrice americana Seven Stories e la sua traduzione affidata ad Ann Goldstein.

Nel marzo di quest’anno ha invece dato alle stampe Omero è stato qui, un altro successo: il libro, infatti, è tra i 12 finalisti per la quinta edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.