• I professori Midiri e Vitale candidati ufficialmente
  • Corsa a due per la successione a Fabrizio Micari
  • Votazioni a fine luglio

Sono due i candidati alla carica di rettore dell’Università degli studi di Palermo per il sessennio 2021/2027. Si tratta dei professori Massimo Midiri e Francesco Vitale. Uno dei due sarà il successore di Fabrizio Micari.

I due candidati

Il professor Massimo Midiri, ordinario di Diagnostica per immagini e radioterapia (settore scientifico-disciplinare MED/36) che ha indicato per la carica di Prorettore Vicario il professore Enrico Napoli, ordinario di Idraulica (settore scientifico-disciplinare ICAR/01).

Il professor Francesco Vitale, ordinario di Igiene generale e applicata (settore scientifico-disciplinare MED/42), che ha indicato per la carica di Prorettore Vicario il professore. Enrico Camilleri, ordinario di Diritto privato (settore scientifico-disciplinare IUS/01).

La prima votazione è fissata per il 27 luglio

La prima votazione è indetta per martedì 27 luglio. La seconda votazione, ove fosse necessaria, avrà luogo giovedì 29 luglio. L’eventuale ballottaggio, invece, è programmato per martedì 3 agosto. Le operazioni di voto si svolgeranno in modalità telematica dalle 9 alle 18.

Rimane corsa a due

Lo scorso anno era partita la “campagna elettorale” e fin dall’avvio i nomi dei due docenti erano in pole position per la candidatura. Vitale nella sua lettera di candidatura parla di “un progetto che guarda al futuro e alla internazionalizzazione e mette al centro gli studenti universitari. Ho scelto questo slogan per richiedere il sostegno a tutte le donne e gli uomini che ogni giorno vivono e lavorano per l’Ateneo palermitano, percependo il senso profondo di appartenenza a una istituzione che – aggiunge Vitale – per propria mission primaria, permette di coltivare e condividere idee e saperi, di confrontarsi, di imparare e rinnovarsi continuamente nel confronto trans-generazionale, interculturale ed internazionale». Nella sua lettera di candidatura, invece, Midiri guarda alle prossime elezioni come “a un passaggio cruciale che l’università potrà affrontare solo attraverso la piena consapevolezza del proprio ruolo istituzionale, fondato sull’equilibrata integrazione di didattica, ricerca e terza missione”.

Midiri, invece, ha annunciato sui social la sua candidatura. Si legge: “ho presentato ufficialmente la mia candidatura come Rettore dell’Università di Palermo per il sessennio 2021/27. Sono orgoglioso e grato di avere ricevuto le sottoscrizioni pubbliche di 735 dei 1478 docenti dell’Ateneo e di 327 tecnici, amministrativi e bibliotecari. Questa grande manifestazione di consenso costituisce per me una spinta preziosa per affrontare la fase finale della campagna elettorale con la serena consapevolezza che il programma da me proposto per il rilancio ed il rinnovamento dell’Università di Palermo incontra già oggi la condivisione di buona parte del corpo elettorale dell’Ateneo”.