“Per avviare al lavoro in Sicilia i beneficiari del reddito di cittadinanza qualcuno vuole creare altro precariato, magari per trasformarlo in altri serbatoi elettorali futuri. Credo invece che si debba partire da ciò che abbiamo già, ovvero centinaia di ex sportellisti, personale formato e qualificato, tenuto per troppi anni in ostaggio dalla malapolitica e vittima del disastro della formazione in Sicilia”.

Lo ha dichiarato Claudio Fava, deputato regionale del Movimento “Cento passi”.

“Governo nazionale e regionale – conclude Fava – si impegnino per elaborare una strategia che consenta di dare loro una doverosa risposta utilizzandoli per ciò che sanno già fare: avviare al lavoro”.