Nelle settimane di lockdown la bellezza dell’Italia ci è mancata, ma ora è giunto il momento di tornare a scoprirla, in sicurezza. Perché la visita dei luoghi straordinari del nostro Paese possa continuare ad essere un’esperienza gioiosa e serena per questa edizione speciale delle Giornate FAI, il Fondo Ambiente Italiano ha scelto di accompagnare i visitatori alla scoperta di luoghi all’aperto che permettano di rispettare il necessario distanziamento sociale, organizzando le visite su prenotazione obbligatoria da effettuare solo online a partire dal 23 giugno.

Le prenotazioni saranno aperte fino ad esaurimento posti e non oltre le ore 15 di venerdì 26 giugno.

L’iniziativa si terrà sabato 27 e domenica 28 giugno 2020, oltre 200 luoghi aperti in più di 150 località d’Italia.

Visite a contributo minimo – da 3 o 5 euro – con prenotazione online obbligatoria su www.giornatefai.it (da consultare anche per eventuali modifiche di programmazione).

Ecco i luoghi visitabili in Sicilia.

Agrigento
Giardini di Villa Genuardi. In origine villa di campagna del barone Ignazio Genuardi, fu poi acquistata dall’albergatore Enrico Ragusa che la trasformò in albergo di prim’ordine e ne sistemò il terreno attorno, dove fece piantare anche esemplari rari. Il parco era meraviglioso e rinomato con più di 3.800 piante. Oggi è sede del corso di laurea in Archeologia dell’Università di Palermo.

Aragona (AG)
Villa Genuardi – Fontes Episcopi. Il Barone Ignazio Genuardi, autorevole personaggio del luogo, volle donare al proprio figlio Gerlando, restio ai fasti della vita mondana, una bella dimora di campagna. Un luogo in cui raccogliersi, meditare, leggere e godersi gli straordinari benefici della natura.

Catania
Castello Ursino, Fossato e Corte interna. Voluto da Federico II di Svevia nel XIII secolo, il Castello Ursino è oggi uno dei simboli di Catania. La struttura del Castello esprime gli aspetti essenziali dell’architettura Federiciana.

Giarre (CT)
Radicepura. Il parco Radicepura è situato all’ombra dell’Etna dove la terra fertile ha permesso la proliferazione di più di 3.000 specie vegetali per un totale di 7.000 varietà di piante. Cinque ettari di parco energicamente e autosufficiente dal punto di vista idrico.

Acireale (CT)
Giardino di Villa Pennisi. Il giardino di Villa Pennisi è uno dei pochi giardini antichi che hanno resistito agli assalti della speculazione edilizia, rimasto intatto nella struttura e nelle dimensioni originali. Punto focale del giardino è un magnifico gazebo in ferro battuto con la sua griglia dall’elegante disegno su cui si arrampica un glicine, e il pavimento in acciottolato disposto in fanne geometriche, circondato da agapanthus azzurri, da cespugli di rose, da gerani Macrantha o da colorate Dimorfoteca.

Grammichele (CT)
Parco Botanico presso Azienda Agricola &Co. La tenuta si estende sulle pendici del versante nord-occidentale dei monti Iblei dove, grazie a un microclima particolarmente favorevole, si possono coltivare agrumi e ulivi utilizzando tecniche naturali rispettose della biodiversità. Da qualche anno si è avviato in azienda un processo che ri-guarda nell’insieme tutti i 33 ettari della tenuta e che vede, nell’inedita commistione di agrumeto, uliveto, frutteto, ortogiardino sensoriale, orto e bosco, un unico “parco botanico mediterraneo”.

Nicosia (EN)
La Cona del Gagini nella Basilica di S. Maria Maggiore. Un’imponente, sontuosa e raffinata “macchina scultorea” a quattro ordini, ricca di numerose figure, statue, bassorilievi, cornici, candelabri e altro domina la navata e l’altare principale di Santa Maria Maggiore in Nicosia. È la famosa “Cona” di Antonello Gagini.

Calascibetta (EN)
Villaggio Bizantino Canalotto. Si tratta di un insediamento interamente scavato nella roccia, che mostra tracce di frequentazione che vanno dalla Tarda Età del Rame, fino ai giorni nostri.

Messina
Forte Cavalli. È una delle 22 batterie facenti parte del Sistema Difensivo dello Stretto di Messina, realizzato dallo Stato Maggiore dell’Esercito tra il 1884 e il 1914, con lo scopo di difendere una parte del territorio meridionale da paventati sbarchi francesi, impegnati in quel periodo in una politica espansionistica coloniale verso la Tunisia.

Palermo
Passeggiata Fiume Oreto: Affluente Sant’Elia a Pioppo. La passeggiata nel fiume Sant’Elia interessa un tratto fluviale a carattere torrentizio con salti lungo 900 metri. Il fiume costituiva un tempo la risorsa idrica per l’irrigazione dei terreni limitrofi e il funzionamento del mulino, il lavatoio pubblico e luogo di balneazione grazie alle nache (piscine naturali) dislocate lungo fiume.
Parco Pier Santi Mattarella-Giardino Inglese. Il giardino, sorto per volontà del luogotenente generale della Sicilia, principe di Satriano, fu realizzato nel 1850-51 da Giovan Battista Filippo Basile, con un impianto planimetrico che, seguendo la morfologia del terreno, si ispirava ad ambienti esotici con angoli evocativi che riproponevano l’antico giardino di delizie dell’emiro arabo Ibn Hawqal, con viali sinuosi, collinette, vallate e ponticelli.
Villa Giulia. Sorta nel 1778 alla fine della passeggiata a mare o strada Colonna, sul piano di S. Erasmo, prese il nome da Giulia Guevara, moglie del viceré Marcantonio Colonna principe di Stigliano. Al centro del giardino una grande area circolare accoglie la fontana del 1780 di Ignazio Marabitti, con il dodecaedro in marmo e i dodici orologi solari. Durante l’Ottocento è stata modificata la flora e sono stati aggiunte statue, il sepolcreto, il belvedere e la montagnola con finte rovine romane.

Melilli (SR)
Melilli. Crocevia di persone, tradizioni, attività, speranza e fede: il sentiero noto come Cento Scale rappresenta uno dei più autentici custodi del patrimonio culturale immateriale della cittadina iblea.
Le Cento Scale facevano da sfondo a contadini e cavatori che le attraversano cadenzando il ritmo dei loro passi allo scambio di racconti, opinioni, aneddoti, per poi raggiungere i primi le vaste pianure che da Melilli giungevano sino al mare di Augusta, i secondi il sottostante ingresso alla cava Pirrera di Sant’Antonio.

Priolo Gargallo (SR)
Saline di Priolo e Guglia di Marcello fra storia e natura. Saline di Priolo e Guglia di Marcello fra storia e natura, una passeggiata nella riserva dei Fenicotteri.

Trapani
Salina Saliella. La salina Salinella o Settebocche, nella Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco, è uno scrigno di bellezza e biodiversità, che ci riporta nell’intimo col tempo della lentezza e dei silenzi, il volo dei fenicotteri, le voci della salina.

E TRA I BENI DEL FAI

Agrigento
Il Giardino della Kolymbethra, nella Valle dei Templi, racconta il “verde mediterraneo” in un tipico “giardino” siciliano di limoni, mandarini e aranci di antiche varietà, e di gelsi, carrubi, fichidindia, mandorli e giganteschi olivi “saraceni”: un prezioso patrimonio genetico della biodiversità agricola tipica del Mediterraneo, che ancora si coltiva secondo le tecniche di tradizione araba, attingendo l’acqua dai condotti ipogei del V secolo a.C. che inquadrano questo giardino tra le rovine dell’antica Akragas.

Pantelleria (TP)
Il Giardino Pantesco Donnafugata racconta il “verde primigenio”, un arancio secolare della varietà “Portogallo” è l’unico albero di questo giardino che è come l’archetipo stesso del giardino, erede di una tradizione mediterranea millenaria che perdura nell’isola; un muro a secco di pietra lavica circonda la pianta per proteggerla dal vento, ma soprattutto per fare ombra, per raccogliere e convogliare al suolo pioggia, umidità e rugiada notturna, creando così un microclima particolare che garantisce senza alcuna irrigazione la sopravvivenza dell’albero: un sistema perfetto, talmente ingegnoso ed efficace da sembrare una magia.

Per consultare l’elenco completo dei luoghi visitabili in SICILIA, per informazioni,
prenotazioni ed eventuali cambiamenti di programma:

https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/i-luoghi-aperti/?regione=SICILIA

(foto fornite dall’ufficio stampa)