Un giovane di circa vent’anni ha tentato il suicidio lanciandosi nelle acque del porto di Marsala, ma un carabiniere lo ha salvato. E’ accaduto ieri sera.

I militari dell’Arma sono intervenuti con due pattuglie (insieme ai vigili del fuoco) dopo l’allarme lanciato dai familiari dall’aspirante suicida, che poco prima di gettarsi in mare ha telefonato a casa per dire quali erano le sue intenzioni.

I soccorritori hanno, quindi, trovato sulla banchina l’auto del giovane, una vecchia Renault blu, con le chiavi inserite nel quadro di accensione. Avviate le ricerche, dopo alcuni minuti è stata notata la sagoma di un uomo che, dopo essersi arrampicato sulla sommità del molo esterno della lanterna rossa, il punto più al largo del porto, si gettato in mare.

Un carabiniere, quindi, si è tuffato in acqua e l’ha salvato. Sul posto anche i militari del locale Ufficio Circondariale Marittimo e un’ambulanza del 118.