Si lavora alla nascita di un nuovo Grande centro in Sicilia ma le indiscrezioni degli ultimi giorni sono solo fantasia. Nessun  accordo sarà possibile fra Forza Italia, Renzi e Cuffaro con al suo interno il movimento politici di Calenda ovvero Azione.

Dubbi sugli accordi con Renzi

Dubbi vengono mosso già sulla possibilità di un accordo vero fra Forza Italia e Italia Viva. Quel ‘Forza Italia Viva‘ di cui si parla ormai da un anno, lanciato proprio in una intervista di un ex renziano a BlogSicilia, non sembra poi così probabile. Miccichè e Renzi si sono visti, non c’è dubbio, ma il nuovo centro difficilmente vedrà al suo interno gli azzurri. Troppi candidati a guidare la coalizione centrista in un unico tavolo

Palazzo smentisce l’esistenza di contatti con Azione

“Non c’è nessuna possibilità che Azione sia protagonista di questo fantomatico terzo polo centrista in salsa siciliana” afferma, poi, Giangiacomo Palazzolo, sindaco di Cinisi (Pa) e membro del comitato promotore nazionale di Azione, commentando le indiscrezioni di stampa su un possibile coinvolgimento del partito di Calenda in un patto che vedrebbe insieme, Più Europa, Italia Viva, Forza Italia di Miccichè e la nuova Dc di Cuffaro.

“Si tratta di una invenzione – continua Palazzolo – per Azione l’unico dialogo aperto è con la Sicilia che vuole cambiare”.

Ieri mattina il tweet lanciato personalmente da Calenda

E nella mattinata di ieri era stato lo stesso leader di Azione Carlo Calenda a prendere posizione con un tweet liquidando il patto come una invenzione e sottolineando che “non esiste la possibilità che Azione ne faccia parte o che interloquisca”.