“Visto che siamo agli sgoccioli e mancano solo tre partite in casa, mi auguro che contro il Padova possa esserci una grandissima presenza di pubblico. È importante per la squadra che ha dato l’anima e lo merita”. L’ha detto l’allenatore del Palermo Roberto Stellone a proposito della partita di lunedì sera alle 21 che i rosanero giocano in casa.
Il suo non è proprio un appello, ma poco ci manca che lo diventi, visto che in termini di punti anche vincere solamente le tre partite casalinghe potrebbe bastare per andare in A.

“Con tre vittorie in casa e la spinta del nostro pubblico – spiega – potrebbe succedere qualcosa di bello. Se non dovesse esserci la nostra gente, daremo ugualmente l’anima per cercare la vittoria senza pensare a cosa faranno Lecce e Brescia. Con una vittoria diamo continuità al nostro lavoro. Potrebbe essere un turno favorevole per noi, ma dovremo essere noi a farlo diventare positivo vincendo la nostra partita”.

Sulla strada del Palermo ci sarà il Padova, ultimo in classifica, ma ancora con la remota possibilità di evitare la retrocessione diretta. “Hanno un calendario difficile – dice Stellone – devono ancora riposare e questa contro di noi è l’ultima occasione che hanno per continuare a sperare di arrivare ai playout. Per loro è la partita della vita, se pensiamo di vincere prima di giocare diventa tutto ancora più difficile. Servirà intelligenza, equilibrio, calma, pazienza e voglia di chiudere la partita senza partire all’arrembaggio. Voglio lo stesso spirito che abbiamo messo in campo quando abbiamo affrontato Verona e Benevento”.