• Cordaro all’Ars sugli incendi, “Fatto tutto il possibile”
  • L’assessore annuncia che la nuova prevenzione partirà dal 16 ottobre
  • Tre milioni per le imprese danneggiate dagli incendi

“Il corpo forestale è competente degli incendi boschivi e d’interfaccia, ma quest’estate, da Portella della Ginestra agli stabilimenti di Catania, ci siamo trovati di fronte a incendi che solo per un terzo erano di competenza della Regione. In Sicilia c’è un problema generalizzato e con una regia comune che deve essere affrontato, a livello nazionale e regionale, per trovare soluzioni immediate. Ci stiamo lavorando e le metteremo in campo dopo averle comunicate al Parlamento”. Sono le parole dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, Toto Cordaro all’Arr.

Grazie ai forestali

Il membro della giunta Musumeci è intervenuto per fare il punto sulle azioni messe in campo in tema di prevenzione e contenimento degli incendi e ha garantito l’avvio della prossima stagione antincendio già il 16 ottobre. “Il mio ringraziamento – ha aggiunto Cordaro – va prima di tutto agli uomini e alle donne del corpo forestale e agli operai forestali, che hanno lavorato con spregio del pericolo e a volte oltre ogni possibile energia umana, con turni prolungati a causa della vastità dello scenario del fuoco e della difficoltà legata a temperature che hanno raggiunto i 50 gradi. Ringrazio pubblicamente anche la Protezione civile nazionale per un raccordo che non è mai mancato”.

Dai droni agli accordi con le associazioni

Per quanto riguarda le politiche di prevenzione, l’assessore ha evidenziato come la campagna antincendio sia partita in anticipo quest’anno, il 3 giugno, e abbia messo in campo numerose azioni innovative. A cominciare dalle convenzioni per un maggiore controllo del territorio siglate con Anci, Protezione civile regionale, Dipartimento sviluppo rurale, vigili del fuoco, associazioni degli agricoltori, ambientaliste e della caccia. Passando dall’acquisto di 85 droni per finire con l’attivazione del numero unico di emergenza, il 1515.

Poco personale in servizio

Tra le criticità da tempo si evidenzia la carenza di personale all’interno del Corpo forestale in cui, a fronte di una pianta organica di 1200 unità, sono operativi solo in 330. I concorsi, avviati nei mesi scorsi, hanno subito dei rallentamenti anche a causa del Covid, ma Cordaro ha assicurato che “vogliamo celebrarli in questa legislatura”. Nel frattempo, grazie alla mobilità interna, sono stati inseriti in organico 60 nuovi agenti.

I ristori alle imprese danneggiate

Sul fronte dei ristori Cordaro ha annunciato che arriveranno da Roma 2,5 milioni di euro, che si aggiungono al milione e mezzo stanziato ad agosto dalla Regione. E si pensa già alla prossima estate: la stagione antincendio 2022 partirà con largo anticipo. “Pur consapevoli di non avere la bacchetta magica – ha concluso Cordaro – vogliamo fare tesoro delle esperienze drammatiche di quest’anno e procederemo ad azioni mirate come l’acquisto di mezzi, l’equipaggiamento di uomini e l’individuazione per tempo dei direttori delle operazioni di spegnimento”.