Riapre l’Ars dopo la pausa estiva e lo fa con il dibattito sugli incendi che quest’estate hanno devastato centinaia di ettari di boschi macchia mediterranea in diverse zone della Sicilia creando danni ingenti a imprese e famiglie. Il presidente Gianfranco Miccichè ha convocato la seduta per domani 16 settembre alle 11. Una seduta che sembra tardiva e fuori tempo, dato che l’emergenza roghi sembrerebbe ormai superata. Così come le vacanze estive. Ma l’Assemblea Regionale, di rientro in Aula, pare voglia discutere di un tema già affrontato dal Governo nazionale, che pochi giorni ha nominato Nello Musumeci commissario delegato per fronteggiare l’emergenza incendi.

Musumeci commissario

Il provvedimento è stato firmato dal capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e segue la delibera del Consiglio dei ministri del 26 agosto con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, “lo stato di emergenza in conseguenza dell’eccezionale diffusione degli incendi boschivi”.

2 milioni da Roma

All’Isola, nelle more della ricognizione dei fabbisogni, sono stati assegnati per l’attuazione dei primi interventi due milioni di euro. Le altre regioni coinvolte sono: Calabria, Sardegna e Molise.

Il Mipaaf, di recente ha spiegato che “sono state inasprite le pene per reati” e che “è previsto il potere sostitutivo delle Regioni nel caso i Comuni non provvedano ad aggiornare nei tempi previsti il catasto dei terreni incendiati”.

I dati: 8.113 incendi in Sicilia, 135 al giorno in due mesi

Ben 8.113 sono stati gli incendi che hanno devastato migliaia di ettari di boschi e macchia mediterranea in Sicilia, con una media di 135 roghi al giorno se si considerano i mesi di luglio e agosto. Il dato è emerso nel corso dei lavori della commissione Ambiente dell’Assemblea siciliana, riunita lo scorso 7 settembre a Palazzo dei Normanni.

Madonie devastate

Complice un clima straordinariamente afoso, la Sicilia è stata dilaniata dalle fiamme con 8.113 incendi. L’entità dei danni è assai superiore rispetto agli anni passati. L’area delle Madonie, polmone verde siciliano, è stata duramente colpita e i roghi sono persino arrivati a lambire i centri urbani. Nel Parco delle Madonie sono andati in fumo 680 ettari di superficie boscata; danni anche nel Parco dell’Etna, in quello di Pantelleria.