E’ una imprenditrice palermitana del settore delle auto l’unica donna a ricevere il riconoscimento di cavaliere del marketing

Iolanda Riolo premiata fra i 4 cavalieri

Tra i 4 nuovi cavalieri del marketing, nominati dal Club Dirigenti Marketing in occasione del convegno dal titolo “Valore strategico della formazione aziendale e stretta collaborazione con gli atenei siciliani”, c’è anche l’imprenditrice delle auto, Iolanda Riolo. La cerimonia di conferimento del premio ha avuto luogo allo Stand Florio, in via Messina Marine. Insieme alla dottoressa Riolo, il premio è stato consegnato al professor Giovanni Puglisi, rettore dell’Università Kore di Enna, Marco Aloisi, fondatore dell’accademia Euromediterranea e Federico Lombardo di Monte Iato, COO di Firriato Srl.

Distintasi per la strategia aziendale

L’imprenditrice palermitana, unica donna ad essere premiata, si è distinta per la strategia aziendale che la vede da anni a capo delle concessionarie che rappresentano i marchi Audi, Ducati, Mercedes, Opel, Smart, Toyota e Volvo. A consegnarle il riconoscimento Antonino Salerno, presidente del Club Dirigenti Marketing, Marco Ventura, vicepresidente del Club Dirigenti Marketing e Salvatore Limuti, direttore del Centro Studi del Club Dirigenti Marketing.

Le motivazioni

Il titolo di “cavaliere del marketing” arriva per l’ottima conduzione di questo complesso gruppo. Nelle motivazioni si legge: “Notevoli sono i risultati in termini di indice di soddisfazione dei clienti e del valore della professionalità delle risorse umane che contribuiscono alla crescita della qualità e della reputazione. Iolanda Riolo è un eccellente esempio di brillante managerialità al femminile in un ambito lavorativo generalmente dominato dagli uomini”.
Dopo la nomina, l’imprenditrice palermitana ha voluto ringraziare i presenti ed esprimere gratitudine verso chi le ha permesso di ricevere questo premio. “Vorrei dedicarlo ai miei collaboratori che hanno consentito di tradurre una promessa di marketing in realtà. Il marketing è una promessa che si fa al cliente. E se dall’altra parte non c’è la possibilità di poterla mantenere, e quindi di tenervi fede, tutto l’investimento che si fa nei decenni non può avere alcuna efficacia – commenta Iolanda Riolo -. Al di là dunque delle campagne commerciali realizzate dalle case madri, ci sono tante promesse che noi facciamo attraverso le nostre attività”.

In campo anche attività di solidarietà

Moltissime sono le attività di solidarietà che la dottoressa Riolo mette in campo: “Gran parte del nostro budget è infatti rivolto a borse di studio o iniziative benefiche. Per noi questa è una filosofia da tramandare all’esterno, perché la cultura aziendale secondo noi deve essere comunicata anche ai nostri clienti. Per questo investiamo moltissimo nel marketing come se fosse un impianto industriale – conclude -. Ci sono investimenti ragguardevoli. Ma tutto questo si può realizzare solo quando al di là della promessa c’è il contenuto, che altro non è che la capacità di saper mantenere una promessa. Quindi ringrazio prima di tutto i miei collaboratori che ci consentono di trasformare il marketing in qualcosa di concreto”.