Continuano a Palermo le notti della bellezza con Restart, il festival culturale organizzato dall’associazione Amici dei Musei Siciliani e da Digitrend, che cura la piattaforma di ticketing ed audio guide.
Sono oltre 20 i siti visitabili in occasione di RestART, che fino al 29 agosto, ogni venerdì e sabato, dalle 19 a mezzanotte, vi porta alla scoperta di alcuni tra i luoghi più belli di Palermo, veri scrigni di storia e tradizioni.

C’è un posto particolare, tra i siti proposti da RestART, dove è possibile ‘perdersi’ tra antichità e modernità, tra passato e presente. Stiamo parlando di Palazzo Branciforte, che si trova in via Bara dell’Olivella.

Palazzo Branciforte, storico edificio nel cuore della città, è di proprietà Fondazione Sicilia, che ha affidato gli importanti interventi di restauro, iniziati nel 2007, all’architetto e designer di fama mondiale Gae Aulenti.
Il Palazzo si sviluppa su 5.650 metri quadri di superficie e, oltre ad ospitare gli uffici direzionali della Fondazione, offre spazio e fruibilità ad alcune prestigiose collezioni artistiche. Al piano terra è esposta la collezione archeologica e la collezione di maioliche; al piano nobile sono custodite le collezioni filateliche, numismatiche e le sculture, insieme alla storica Biblioteca che conserva circa 50mila volumi. Da qui si accede ai suggestivi ambienti del Monte di Santa Rosalia, raro esempio ancora esistente di composizione architettonica lignea.
Il Palazzo nacque come dimora gentilizia della famiglia Branciforte, fin da quando, nel XVII secolo, vi abitava la famiglia di Nicolò Placido Branciforte Lanza conte di Raccuja, sebbene dal 1801 la sua destinazione d’uso e le sue specificità architettoniche mutarono e Palazzo Branciforte venne destinato a nuova sede del “Monte della Pietà per la Pignorazione”.
La nuova filiale, denominata “Monte di Santa Rosalia”, venne destinata alla sezione dei beni “non preziosi”, per il prestito su pegno di seteria, biancheria e, posteriormente, di oggetti in rame e in bronzo: l’attività di credito su pegno di non preziosi si è mantenuta fino agli anni ’80 del XX secolo finché cioè l’istituzione del Monte dei Pegni fu parte della Cassa Centrale di Risparmio “Vittorio Emanuele” per le province siciliane, che l’assorbì nel 1929.
Divenuto sede della Fondazione Chiazzese, dell’Archivio Storico e della Biblioteca della Cassa di Risparmio negli anni ’80, alla fine degli anni ’90 Palazzo Branciforte divenne sede del Centro di Formazione per il personale bancario, poiché la Cassa di Risparmio venne acquisita dal Banco di Sicilia S.p.A., e tale destinazione d’uso è stata mantenuta fino al 30 dicembre 2005, quando il Palazzo è stato infine acquisito dalla Fondazione Banco di Sicilia, oggi Fondazione Sicilia.

RestART si svolge ogni venerdì e sabato dalle 19 a mezzanotte fino al 29 agosto. Ingressi e prenotazioni su www.restartpalermo.it, scegliendo precisi slot orari, secondo le indicazioni di ciascun sito. Igienizzazione e mascherine per i visitatori, misurazione della temperatura all’ingresso dei musei. Sull’App, notizie e curiosità sui luoghi.
Ingresso: 3 euro se il biglietto viene acquistato sulla piattaforma online; 4 euro all’ingresso dei siti, nel caso ci fossero ancora posti liberi.

Ma potete scegliere qualsiasi altro dei luoghi di RestART con la certezza di non restare delusi. Ecco l’elenco dei siti che è possibile visitare con RestART:

Chiesa di Santa Caterina
Cupola di Santa Caterina
Chiesa dello Spasimo
Palazzo Abatellis
Palazzo Mirto
Museo Archeologico Salinas
RISO – Museo di arte contemporanea
Palazzo Branciforte
Villa Zito
Teatro Massimo
Orto Botanico
Oratorio dei Bianchi
Chiesa della Catena
Chiesa del SS. Salvatore
Cupola del SS. Salvatore
Chiesa di S. Matteo
Torre di S. Antonio
Chiesa di Casa Professa (aperta l’8, il 21 e il 29 agosto)
Archivio Comunale
Chiesa della Gancia (aperta il 22 agosto)
Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti
Oratorio di S. Lorenzo
Oratorio di S. Mercurio
Oratorio di S. Cita

Oratorio del SS. Rosario in San Domenico
8 agosto | ore 18,30, max 20 persone. Ticket: 30 euro.

Prenotazioni su www.restartpalermo.it